A- A+
Cronache
"Se parli non giochi più". Il coach pedofilo era recidivo. Tutti lo sapevano

Il coach pedofilo arrestato e la condanna definitiva per abusi ignorata

Continua a far discutere il caso di Paolo Traino, il coach di basket arrestato dalla Squadra Mobile di Roma con la pesantissima accusa di aver abusato di un ragazzo minorenne. La cosa che ha dell'incredibile è legata al passato di questo uomo, già condannato in passato per fatti analoghi ma comunque lasciato libero di allenare una squadra di basket di ragazzini. Nella foresteria di una società di basket romana, la Stella Azzurra, sulla via Flaminia, - si legge sul Messaggero - avrebbe avvicinato almeno un giovane sportivo e, con la scusa di praticare massaggi, o di ripassare gli schemi di gioco, avrebbe abusato di lui. E non è escluso che ci siano anche altre vittime: il sospetto è che le abbia minacciate di non farle più scendere in campo, se lo avessero denunciato. Ora il cinquantacinquenne si trova nel carcere di Regina Coeli. Oggi è previsto l'interrogatorio di garanzia.

Traino - prosegue il Messaggero - di fatto lavorava per la Stella Azzurra da almeno sette anni. Dunque dal 2015, e anche mentre era sotto processo per le altre violenze. Di volta in volta, anche in base alle stagioni, il suo contratto veniva rinnovato. "Ma - spiegano dai vertici della società - non lavora più per noi da qualche tempo per dei problemi personali". Ufficialmente, dalla società fanno sapere che "Traino aveva smesso di allenare per assistere la madre malata». In realtà, la condanna da Perugia è diventata definitiva lo scorso dicembre e dallo stesso mese l'uomo ha smesso di allenare la giovanile romana. Divergenti i pareri sul suo conto da parte di chi è passato per la Stella Azzurra: c'è chi sostiene che i suoi modi troppo affettuosi fossero conosciuti, e c'è chi sottolinea solo le capacità professionali.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cronache roma
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

Guarda le foto

Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024





motori
Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.