A- A+
Cronache
Spagna, ok definitivo a Ley Trans. Si può cambiare sesso legalmente a 16 anni

In Spagna si può cambiare legalmanete il proprio sesso, il parlamento ha approvato in via definitiva la Ley Trans

Il parlamento spagnolo ha dato il via libero definitivo alla Ley Trans e alle riforme sul congedo mestruale e sull'aborto libero.

La Ley Trans ha ricevuto 191 voti favorevoli, 60 contrari e 91 astensioni. La norma, promossa in particolare dalla ministra delle Pari Opportunità Irene Montero (Unidas Podemos) stabilisce nuovi diritti per le persone transgender come quello all’autodeterminazione.

Il Congresso dei deputati ha approvato definitivamente il testo, dopo i via libera preliminari di dicembre e della settimana scorsa dalla stessa Camera e dal Senato. Il voto finale non ha risentito delle polemiche su alcuni aspetti della legge, come quello dell’età delle persone a cui applicarla, che hanno provocato divisioni profonde all’interno del movimento femminista spagnolo.

I potenziali problemi della Ley Trans

In particolare, una parte del movimento si è detta contraria a questa norma, in quanto si riscontrano  potenziali problemi di “insicurezza giuridica”, di applicazione di politiche contro la discriminazione delle donne e per quanto riguarda l’autodeterminazione dei minori di 18 anni. La legge inoltre non contempla questioni riguardanti processi ormonali, che sono invece trattati a livello regionale. 

La Ley Trans

La Ley Trans prevede la possibilità, per chi ha più di 16 anni, di autodeterminate la propria identità di genere attraverso una doppia dichiarazione (autocertificazione), a distanza di tre mesi l’una dall’altra, senza che siano richieste prima autorizzazioni giudiziarie o mediche.

VOTA IL SONDAGGIO

L'aborto libero

Nella seduta parlamentare che ha dato l'ok alla Ley Trans, si è anche resa definitiva una riforma della legge sull’aborto che punta a garantire il diritto all’accesso a questa pratica.

Le ragazze di 16 e 17 anni di età e le ragazze disabili potranno interrompere la loro gravidanza senza il permesso dei genitori nelle strutture pubbliche, mentre per le più giovani servirà l’autorizzazione e in caso di pareri discordi interverrà un giudice.

La misura introduce anche la pillola del giorno dopo gratuita nei centri sanitari e in tutte le farmacie. Riconosce, infine, un congedo di malattia alle donne che si sono sottoposte ad aborto e garantisce la distribuzione gratuita di contraccettivi nei centri educativi e nelle carceri.

Il provvedimento sulla salute sessuale: il congedo mestruale

La seduta parlamentare ha infine approvato il provvedimento sulla salute sessuale delle donne che riguarda il congedo mestruale.

Questa misura prevede la possibilità di stare a casa per le lavoratrici che hanno un ciclo doloroso e invalidante, la cui durata è a discrezione del medico. Il congedo verrà pagato dallo stato fin dal primo giorno.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
aborto liberocongedo mestrualeley transspagna
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Annalisa a Le Iene canta il singolo di Sanremo "Sinceramente" e fa impazzire il pubblico

Guarda il video

Annalisa a Le Iene canta il singolo di Sanremo "Sinceramente" e fa impazzire il pubblico


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete





motori
CUPRA Born VZ 2024: innovazione e prestazioni nel nuovo modello elettrico

CUPRA Born VZ 2024: innovazione e prestazioni nel nuovo modello elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.