A- A+
Cronache
Trizzino: "Borsellino voleva far arrestare il suo capo. Scarpinato archiviò"
Antimafia, De Raho vicepresidente della commissione parlamentare. Foto Lapresse

Borsellino, l'audizione choc dell'avvocato di famiglia del giudice ucciso. Dito puntato contro Scarpinato 

Fanno ancora più rumore delle precedenti le dichiarazioni dell'avvocato Fabio Trizzino in commissione antimafia. Il legale della famiglia Borsellino ricostruisce le ultime settimane di vita del giudice ucciso con al sua scorta nel luglio del 1992 in via D'Amelio a Palermo. "Dopo la strage di Capaci del 23 maggio 1992, Paolo Borsellino - afferma l'avvocato Trizzino in commissione antimafia - disse che stava scoprendo delle cose tremende, inimmaginabili". Trizzino - riporta l'agenzia Dire - cita le parole riferite da Maria Falcone, sorella di Giovanni, morto nella strage di Capaci, nella sua audizione al Csm datata 30 luglio 1992. "Maria Falcone riferisce che in occasione del trigesimo della morte del fratello, il 23 giugno, ‘Paolo, di fronte alla mia necessità e di Alfredo Morvillo (fratello di Francesca, ndr) di dichiarare davanti al mondo le ragioni che avevano costretto mio fratello Giovanni ad abbandonare Palermo – è la ricostruzione di Trizzino -, disse di stare calmi perché stava scoprendo delle cose tremende, inimmaginabili".

Il legale della famiglia Borsellino, ascoltato dalla presidente della Commissione Chiara Colosimo e dagli altri commissari, parla dell’incontro segreto tra il magistrato e gli allora ufficiali del Ros Mario Mori e Giuseppe De Donno: "Borsellino li incontrò fuori dalla Procura perché aveva scoperto cose tremende sul contro del suo capo, il procuratore Pietro Giammanco". Tutto questo, secondo Trizzino, "arricchisce e rafforza la rappresentazione contenuta nelle sentenze definitive" su via D’Amelio "che parlano di contrasti e di circostanze talmente gravi che rafforzarono Borsellino nel convincimento che il suo capo era un infedele".

Leggi anche: Borsellino scagionava la mafia: "I miei colleghi vogliono la mia morte"

Leggi anche: "Borsellino, salta il tappo dei depistaggi. Due libri faranno chiarezza"

Da qui la convinzione del legale: Borsellino avrebbe voluto "arrestare" o "fare arrestare" Giammanco. Alla base del faccia a faccia ci sarebbe stato il dossier ‘mafia e appalti’ che era stato redatto dal Ros. Trizzino poi riassume: "Di questo incontro erano quindi a conoscenza Mori, De Donno, il maresciallo Carmelo Canale e l’allora magistrato dell’epoca Roberto Scarpinato", quest’ultimo presente in audizione in quanto parlamentare M5s. "La circostanza è stata affermata dallo stesso Scarpinato in aula ad Avezzano". Trizzino nell'affermare questa circostanza si rivolge proprio all'ex magistrato Scarpinato presente in aula, indicandolo. A quel punto il legale di Borsellino viene "ripreso" dalla Presidente Colosimo: "Avvocato, si rivolga alla Presidenza e non ai singoli parlamentari".

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio

Ecco quanto vale l'immobile

Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio


in vetrina
Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio

Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio





motori
Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.