A- A+
Cronache

A Genova varo funestato da una morte sul lavoro, quello di una nave per la Marina militare algerina. Durante la preparazione della cerimonia di consegna, presso lo stabilimento Fincantieri di Riva Trigoso, un ufficiale, Maurizio Canovaro di 51 anni, è infatti stato colpito da un gancio in pieno petto, rimanendo ucciso. L'ufficiale si trovava a bordo di un rimorchiatore. Fincantieri ha immediatamente annullato la cerimonia del varo, che era prevista per le 10.30 alla presenza dell'amministratore delegato Giuseppe Bono e del capo di Stato Maggiore della marina Giuseppe De Giorgi.

"Questo grave lutto colpisce profondamente tutta la famiglia di Fincantieri - hanno detto dalla sede rivana -. La società ha ritenuto, per il rispetto della vittima e dei suoi familiari, di annullare la cerimonia prevista per questa mattina e sarà vicina in ogni maniera alla famiglia"

Tags:
uccisogancionave
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.