Georgina Roberts ha ucciso i suoi genitori, David Arnold ed Elizabeth, uniti da 58 anni di matrimonio. Nessun omicidio per eredità né raptus di follia, però. A chiederlo alla donna è stata proprio la coppia: marito e moglie, residenti a Newbury, Berkshire, avevano deciso che non potevano sopportare di affrontare la vita senza essere insieme. E, così visto che entrambi combattevano contro malattie sempre più debilitanti, hanno deciso di morire fianco a fianco. Dopo aver tentato da soli il suicidio, hanno chiesto alla figlia di "aiutarli".

Lo ha raccontato la stessa donna, 59 anni, durante l’inchiesta. Alla vigilia dell’ottantaduesimo compleanno di suo padre, i suoi genitori avevano deciso che quello dovesse essere ‘il giorno‘. Così ha comprato su internet una medicina letale e la ha somministrata ai genitori malati, lui costretto a letto e lei con una grave forma di demenza. Poi li ha guardati in un ‘silenzio attonito’ mentre morivano. Dando prova della sua buona fede, la signora Roberts ha detto che era ‘mossa esclusivamente dalla compassione e dall’amore. Sono un essere umano che ha amato i propri genitori molto profondamente e voleva aiutarli quando non potevano aiutarsi da soli‘, ha detto la donna. Così il Crown Prosecution Service ha deciso che non era nell’interesse pubblico accusare la signora Roberts di alcun reato. Non sarà processata.


 

 

2014-01-16T18:51:06.697+01:002014-01-16T18:51:00+01:00truetrue1296116falsefalse4Cronache/cronache4131446212962014-01-16T18:51:08.07+01:0012962014-01-17T08:47:36.243+01:000/cronache/veleno-genitori160114false2014-01-16T19:15:58.283+01:00314462it-IT102014-01-16T18:51:00"] }
A- A+
Cronache
bare
 

Georgina Roberts ha ucciso i suoi genitori, David Arnold ed Elizabeth, uniti da 58 anni di matrimonio. Nessun omicidio per eredità né raptus di follia, però. A chiederlo alla donna è stata proprio la coppia: marito e moglie, residenti a Newbury, Berkshire, avevano deciso che non potevano sopportare di affrontare la vita senza essere insieme. E, così visto che entrambi combattevano contro malattie sempre più debilitanti, hanno deciso di morire fianco a fianco. Dopo aver tentato da soli il suicidio, hanno chiesto alla figlia di "aiutarli".

Lo ha raccontato la stessa donna, 59 anni, durante l’inchiesta. Alla vigilia dell’ottantaduesimo compleanno di suo padre, i suoi genitori avevano deciso che quello dovesse essere ‘il giorno‘. Così ha comprato su internet una medicina letale e la ha somministrata ai genitori malati, lui costretto a letto e lei con una grave forma di demenza. Poi li ha guardati in un ‘silenzio attonito’ mentre morivano. Dando prova della sua buona fede, la signora Roberts ha detto che era ‘mossa esclusivamente dalla compassione e dall’amore. Sono un essere umano che ha amato i propri genitori molto profondamente e voleva aiutarli quando non potevano aiutarsi da soli‘, ha detto la donna. Così il Crown Prosecution Service ha deciso che non era nell’interesse pubblico accusare la signora Roberts di alcun reato. Non sarà processata.


 

 

Tags:
velenogenitorimorire
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.