A- A+
Cronache
foto

di Fabio Frabetti

Dopo 10 anni verrà finalmente pagato il biglietto della Lotteria Italia da 100.000 euro al centro di un lungo contenzioso dopo che il titolare lo aveva strappato in due pensando di non essere tra i fortunati vincitori. Un felice epilogo che purtroppo Giulio Galantini non si potrà godere, visto che è morto nel 2007 senza avere avuto la soddisfazione di incassare quei soldi vinti acquistando un biglietto della Lotteria Italia, allora abbinata ad un programma di Gianni Morandi. La battaglia, portata avanti in tutti questi anni, è stata condotta dalla moglie Rosy e dai due figli che insieme al loro avvocato sono riusciti in quella che sembrava un’impresa impossibile.

UN CALCIO ALLA FORTUNA – Tutto comincia nel 2003 quando il singor Galantini una volta estratti i tagliandi vincenti si era recato nella tabaccheria dove aveva acquistato il biglietto per verificare se avesse vinto. Un’attesa troppo lunga l’aveva fatto desistere: pensando di non essere tra i vincitori rientra a casa e strappa tutti i biglietti che aveva comprato. Poi in una banale fila alle Poste, sente parlare di un biglietto vincente acquistato proprio nella sua tabaccheria di fiducia. Il dubbio lo assale e ben presto scopre che quel tagliando era proprio il suo. Telefona immediatamente alla moglie Rosy che recupera dal cestino il biglietto strappato in due parti.

foto (2)

RASSICURAZIONI TELEVISIVE - «Quando mio marito si recò alla sede di Arezzo del Monopoli di Stato - racconta oggi Rosy a Affaritaliani.it - gli dissero chiaro e tondo che era inutile anche solo iniziare la pratica: il biglietto non l’avrebbero mai pagato». E così fu: da Roma le risposte che arrivarono furono irremovibili. Il biglietto doveva essere integro in tutte le sue parti. Poco importava che lo strappo non avesse minimamente inficiato il numero di serie. Giulio non si arrende e nel 2004 riesce a portare il caso in tv da “Mi manda Raitre” condotta all’epoca da Piero Marrazzo. In studio c’è anche il dottor Nicola Andreozzi rappresentante dei Monopoli: durante la trasmissione arrivano rassicurazioni per la famiglia aretina, c’era tutto l’impegno per risolvere la controversia e rivalutare il caso. Ma le cose non vanno esattamente così. Passano gli anni, alcuni noti avvocati fanno finta di interessarsi alla vicenda e la vincita rimane virtuale.

PAGAMENTO IN ARRIVO - Nel novembre del 2007 Giulio muore senza aver potuto regalare alla sua famiglia quella piccola grande gioia. A lottare rimangono Rosy con i figli Tiziana e Riccardo. Ma anche i nipoti sono agguerriti. La battaglia prosegue. Si continua a incalzare l’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato. Nel 2008 arriva una risposta scritta in cui si chiede di trasmettere il biglietto in originale per rivalutare il caso. La famiglia Galantini spedisce quanto richiesto e attende fiduciosa ma della famosa rivalutazione non si avranno notizia per ben cinque anni. Fino a quando proprio in questi giorni i monopoli convocano a Roma la famiglia insieme a avvocato per comunicare la lieta notizia: a maggio quei 100.000 euro saranno finalmente pagati. «Sono davvero felice – prosegue Rosy – soprattutto per il mio povero marito che non potrà gioire di questa bella notizia. Ci hanno detto che non ci pagheranno gli interessi però questo a noi non importa, siamo davvero soddisfatti di poter finalmente avere quello che ci spetta e per il quale abbiamo lottato in tutti questi anni». Un plauso va anche all’Aams che dopo tutti questi anni, negli ultimi mesi, ci ha messo tutta la buona volontà per risolvere un caso spinoso.

Tags:
lotteriabigliettosoldi
Loading...
in vetrina
ANTONELLA MOSETTI NUDA NELLA VASCA: SPETTACOLARE! Le foto Vip

ANTONELLA MOSETTI NUDA NELLA VASCA: SPETTACOLARE! Le foto Vip

i più visti
in evidenza
PAGO-SERENA, RIVELAZIONI Doppia nomination. E soprese..

Grande Fratello Vip 4 news

PAGO-SERENA, RIVELAZIONI
Doppia nomination. E soprese..


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
GLA, il baby suv Mercedes, lancia cinque modelli esclusivi per l’Italia

GLA, il baby suv Mercedes, lancia cinque modelli esclusivi per l’Italia


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.