A- A+
Culture
Archeologia: cinque scoperte in gara per Award Borsa Mediterranea

L’edificio della barca di Sesostri III e i graffiti di 120 navi ad Abido in Egitto, la prima opera architettonica dei Neanderthal in una caverna di Bruniquel in Francia, la grande città dell’Età del Bronzo presso il piccolo villaggio curdo di Bassetki in Iraq, la città indo-greca di Bazira in Pakistan e le 400 tavolette di epoca romana ritrovate nella City di Londra si contenderanno quest’anno l’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”, il premio giunto alla terza edizione e intitolato all’archeologo di Palmira che ha pagato con la vita la difesa del patrimonio culturale. Si tratta dell’unico riconoscimento a livello mondiale dedicato al mondo dell’archeologia e in particolare ai suoi protagonisti, gli archeologi, che con sacrificio, competenza e ricerca scientifica affrontano quotidianamente il loro compito nella doppia veste di studiosi del passato e di professionisti a servizio del territorio. Il premio è promosso dalla Borsa Mediterranea del turismo archeologico e da Archeo che hanno inteso dare il giusto tributo alle prime cinque scoperte archeologiche nel corso del 2016. Il premio sarà assegnato alla scoperta archeologica prima classificata, mentre un altro riconoscimento, Special Award, sarà assegnato, in collaborazione con Current Archeology (Regno Unito), Antike Welt (Germania), Dossiers d’archeologie (Francia) e Archaologie der Schweiz (Svizzera), attraverso il maggiore consenso dal grande pubblico dato sulla pagina facebook della Borsa (www.facebook.com/borsamediterraneaturismoarcheologico) nel periodo 5 luglio-29 settembre.   
Nella prima edizione (2015) il premio è stato assegnato a Katerina Peristeri, responsabile degli scavi della Tomba di Amphipolis (Grecia); la seconda edizione (2016) ha premiato l’Inrap, Institut National de Recherches Archéologiques Préventives (Francia), nella persona del presidente Dominique Garcia, per la scoperta della Tomba celtica di Lavau, alla presenza di Fayrouz Asaad archeologa e figlia di Khaled al-Asaad e Mohamad Saleh, ultimo direttore per il Turismo di Palmira. Presente a Paestum, Fayrouz Asaad rilasciò ad affaritaliani.it la prima intervista in Italia sulla tragica situazione in Siria. I Premi saranno consegnati venerdì 27 ottobre in occasione della XX Bmta, nell’area archeologica della città antica di Paestum dal 26 al 29 ottobre, alla presenza dei direttori delle testate che intervisteranno i protagonisti.
Il direttore della Borsa Ugo Picarelli e il quello di Archeo Andreas Steiner hanno condiviso questo cammino in comune, consapevoli che “le civiltà e le culture del passato e le loro relazioni con l’ambiente circostante assumono oggi sempre più un’importanza legata alla riscoperta delle identità, in una società globale che disperde sempre più i suoi valori”. Il premio, dunque, si caratterizza per divulgare uno scambio di esperienze, rappresentato dalle scoperte internazionali, anche come buona prassi di dialogo interculturale e cooperazione tra i popoli.

Eduardo Cagnazzi
 

Tags:
archeologiaaward borsa mediterranea
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.