A- A+
Culture

di Alessandra Peluso

Sepetys Ruta

Non è semplicemente un romanzo - è l’amore - la testimonianza che l’amore è “l’esercito più potente e rivela la natura miracolosa dello spirito umano”.

Avevano spento anche la luna, di Ruta Sepetys, (Garzanti 2013) è una storia sconvolgente che fa rivivere pagina dopo pagina un’esperienza drammatica: la deportazione di intere popolazioni dei paesi baltici nei gulag staliniani della Siberia.

Si tratta di un romanzo storico  che commuove tremendamente, il lettore sarà col fiato sospeso fino alla conclusione della storia, saprà compatire le esistenze penose ed umilianti di Lina, Jonas, Elena una famiglia della Lituania e milioni di altre persone costrette senza motivo apparente a vivere - se così si può dire - e che nonostante tutto, ciò che emerge è la speranza, la forza, l’amore come quello che ha Lina, una giovane ragazza che infonde un’intensa fiducia in se stessa e negli altri con un enorme coraggio perchè crede che “nel profondo dell’inverno, dentro di me regnava un’invincibile estate”. (Albert Camus).

Ruta Sepetys dimostra una singolare sensibilità a non dimenticare e induce a riflettere, a rivivere questa storia raccontata con amabile cura, con dettagli impressionanti e con un’inconfondibile speranza che aleggia in tutto il romanzo. L’autrice chiede che ognuno di noi parli dell’argomento, invita a fare ricerche, a conoscere, a non essere indifferenti riguardo vittime innocenti, che nel 1940 sono state deportate, uccise, ridotte in schiavitù in Siberia dai Sovietici, dopo l’occupazione degli stati baltici della Lituania, Lettonia, ed Estonia.  

È senza ombra di dubbio da leggere “Avevano spento anche la luna”. Non si può non ascoltare la sensibilità e la forza della giovane Lina che durante la permanenza in Siberia, disegna tutto ciò che vede, la sofferenza nei volti, le atrocità, le violenze e umiliazioni dei comandanti delle NKVD. È meravigliosa la scrittura di Ruta Sepetys, è magica, adotta metafore straordinarie che rendono una storia drammatica paradossalmente poetica che penetra nel cuore provocando emozioni indelebili. Insegna a credere, ad amare, ad affrontare la vita - il racconto di Lina, il piccolo Jonas, e la madre Elena - che lasciano senza fiato il lettore quando nel bello della storia legge: «La coscienza sporca non vale del cibo in più». (p. 112). Non si vende la propria coscienza, la propria dignità per nulla al mondo neanche in cambio della stessa vita pur continuando a sopportare giornate nel fango, nella neve, denutriti, a lavorare duramente nei campi, scalzi, senza niente addosso, con i pidocchi che portavano il tifo petecchiale e con le malattie che iniziavano a mietere vite.

È sorprendente come la speranza di Jonas e Lina prigionieri per anni, non si sia mai spenta, neanche un attimo, di credere nella libertà e nella possibilità di ritornare un giorno nella propria casa.

È straziante l’episodio del dolce e bel fratellino di Lina che «scacciava gli insetti fuori di casa invece di schiacciarli, che porgeva il suo righello per steccare la gamba di un anziano irascibile» (p. 32), mentre stava per essere portato via da un agente dell’NKVD, afferrato e trascinato lontano dai suoi familiari, si vede la mamma aggrapparsi all’agente e parlando in russo gli dà un fascio di rubli e un orologio da taschino. Ecco in quel momento la vita umana valeva un orologio da taschino.

Sembra un film, sembra di rivivere in prima persona questo romanzo, che si sente, si ascolta e si tocca con mano l’impressionante amore di Elena, le sue rassicurazioni come se nulla fosse accaduto, l’importante era stare ancora insieme. Come è tremendamente umano come una piccola gioia, che per noi oggi può sembrare insignificante, teneva fuori dall’abisso della disperazione.

Leggere “Avevano spento anche la luna” di Ruta Sepetys - oltre a far riflettere e a conoscere una parte della storia - instilla un grande coraggio, determinazione, una speranza che dopo una buia notte, potrà esserci la luce e una fiducia indescrivibile, infonde una lezione di autostima e crescita personale inestimabile.    

         

                

Tags:
"avevano spento anche la luna"garzantiruta sepetys
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.