A- A+
Culture
Cinema: Amarcord di Fellini vinceva l’Oscar 45 anni fa

Fellini e l'Oscar ad Amarcord

Amarcord, di Fellini, è tra i film più conosciuti e amati del suo autore ma anche di tutta la cinematografia italiana. Nostalgico e biografico, ripercorre l’infanzia del regista e uno spaccato di Italia nel Ventennio. L’8 aprile 1975 vinceva l’Oscar come miglior film straniero.

La pellicola arrivò nelle sale italiane il 13 dicembre del 1973, sbarcò a Cannes l’anno dopo - presentato fuori concorso - per poi terminare la sua corsa tra i festival di tutto il mondo con gli Oscar del ‘75. Il capolavoro di Fellini è stato scelto come uno dei 100 film italiani da salvare.

I ricordi di Fellini e della sua vita nell'antico borgo di Rimini si intrecciano con una fauna variopinta di personaggi. Dalla Gradisca, sogno erotico di tutti i ragazzini del quartiere, fino alla procace tabaccaia che rappresenta la scoperta del sesso nella sua forma meno poetica. Ci sono i fascisti e gli antifascisti, la nobiltà, il popolo e la borghesia, ci sono gli episodi che segnano un periodo storico come quello che viveva l'Italia del ventennio.

Ci sono le manifestazioni per glorificare Mussolini che sembrano nei ricordi di Fellini bambino essere messi in secondo piano rispetto alla più onirica Mille Miglia che passa per Rimini o al transatlantico Rex salutato in mare dagli abitanti del borgo come un successo dell'Italia intera.

I personaggi sono tutti umanissimi: c'è lo zio matto che si arrampica sull'albero perché "vuole una donna", gli aneddoti strampalati raccontati da Bisein, lo "scemo del villaggio", l'anziano che si concentra sulle "manine" dei pioppi che vagano e che "il freddo non lo sentono loro" o ancora il nonno che si perde nella nebbia.

Si tratta di un'opera sempre attuale, perché cristallizzata nel tempo e perché affonda le sue radici nella cultura italiana che fa in modo che il borgo riminese in cui è ambientato tutto il film diventi paradigma di ogni paese dello Stivale. 

L'8 aprile del 1975, 45 anni fa agli Oscar, Franco Cristaldi saliva le scale del Dorothy Chandler Pavilion di Los Angeles per ritirare l'Oscar per Amarcord, capolavoro di Federico Fellini prodotto dallo stesso presidente della F.C Produzioni. Sul palco Cristaldi disse a Hollywood lì riunita: "Io e Fellini siamo molto felici e spero che con Amarcord sarete felici anche voi".

Il film, oltre ad iniziare la fortunata collaborazione tra il regista riminese e Tonino Guerra che firmò la sceneggiatura, è diventato una locuzione, un modo di dire, applicabile soprattutto al cinema stesso. Se per il termine - diventato neologismo - si parla di "rievocazione in chiave nostalgica", per ‘cinema amarcord' si intende un film che rovista nei ricordi del suo autore.

 

Commenti
    Tags:
    amarcordamarcord felliniamarcord oscaroscar amarcordfellinifellini amarcordamarcord fellini oscarfellini oscarfellini oscar amarcordoscar film italianioscar film stranierocinemacinema italiano





    in evidenza
    Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

    Guarda il video

    Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

    
    in vetrina
    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


    motori
    Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

    Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.