A- A+
Culture
Da Pompei agli Uffizi: 1 miliardo dal Cipe. Record per la cultura

L'ex carcere borbonico di santo Stefano a Ventotene verra' riqualificato con 70 milioni di euro, 40 milioni ciascuno andranno alla pinacoteca di Brera, a Pompei, alla Reggia di Caserta, agli Uffizi e al complesso Cerimant della periferia di Tor Sapienza a Roma. Altri 50 milioni serviranno per il recupero del Porto Vecchio di Trieste e 60 milioni per l'Auditorium di Firenze. Al ducato estense saranno destinati 70 milioni, per i beni culturali danneggiati dal sisma in Emilia.

Sono alcuni dei principali interventi che verranno finanziati con lo stanziamento di 1 miliardo di euro deliberato dal Cipe, presentati questa mattina dal ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini. "Completiamo i grandi progetti che aspettavano da anni nei cassetti: dagli Uffizi a Brera a Capodimonte, andiamo avanti su Pompei e sui siti archeologici, sui grandi cammini come quelli di San Francesco, l'Appia e la Francigena", ha commentato Franceschini, sottolineando "le riqualificazioni nelle periferie urbane a cominciare da Tor Sapienza a Roma e i grandi interventi su luoghi stupendi del paese come il porto vecchio di Trieste e la cittadella di Alessandria". 

Il Piano stanzia un miliardo di euro del Fondo Sviluppo e Coesione 2014 - 2020 per realizzare 33 interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e di potenziamento del turismo culturale. Si mira a"l rilancio della competitivita' territoriale del Paese attraverso l'attivazione dei potenziali di attrattivita' turistica, l'integrazione tra turismo e cultura e il potenziamento dell'offerta turistico-culturale".

 

Specificamente il Piano prevede 30 milioni di euro per il centro storico dell'Aquila con il completamento del restauro delle mura cittadine, del Duomo e della chiesa si S. Maria a Paganica; 20 milioni per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli con opere strutturali per il miglioramento degli spazi espositivi e dell'accesso; 30 milioni per il Museo di Capodimonte con il restauro della cinta muraria, il nuovo allestimento delle sale e il miglioramento dei collegamenti con la citta'; 40 milioni per la Reggia di Caserta con il completamento delle opere di restauro del monumento e del parco; 20 milioni per il restauro e il riallestimento del Museo di Paestum e la ristrutturazione dell'ex stabilimento Cirio; 10 milioni per gli scavi di Ercolano per il restauro delle strutture e le superfici decorate della Casa dell'Atrio a Mosaico, dell'Apollo Citaredo, del Colonnato Tuscanico, del Graticcio, del Mobilio Carbonizzato, del Sacello di Legno e del Bicentenario; 40 milioni di euro per l'area archeologica di Pompei; 25 milioni per il completamento del Museo Nazionale dell'Ebraismo e della Shoah a Ferrara; 2 milioni per il cofinanziamento al restauro del portico del Santuario di San Luca a Bologna; 8 milioni per il restauro della basilica di Santa Maria dei Servi e del complesso monastico del Corpus Domini a Bologna.

Ancora, nella ripartizione delle risorse del Cipe sono contemplati 50 milioni per il restauro e la valorizzazione del Porto Vecchio di Trieste, destinato a divenire un grande attrattore culturale transfrontaliero; 40 milioni per la riconversione dell'ex complesso militare Cerimant a Tor Sapienza in centro culturale; 9 milioni per completare il restauro delle facciate e del giardino di Palazzo Barberini; 15 milioni per l'adeguamento strutturale e l'allestimento dell'ala Cosenza della Galleria Nazionale d'Arte Moderna; 70 milioni per restauro e valorizzazione dell'ex carcere borbonico di Santo Stefano; 6 milioni per restauro e riallestimento del Museo del Palazzo Reale di Genova; 40 milioni per il progetto Grande Brera con l'ampliamento della Pinacoteca e l'adeguamento della caserma Mascheroni Magenta e Caracciolo per i nuovi spazi dell'Accademia di Belle Arti; 12 milioni di euro per il restauro complessivo del Palazzo Ducale di Mantova; 25 milioni per il recupero e la valorizzazione della Cittadella di Alessandria; 15 milioni per il restauro delle Cavallerizze e dei Giardini Reali di Torino con il restauro dei bastioni cinquecenteschi e del verde e la realizzazione di nuovi percorsi; 5 milioni per il progetto di adeguamento funzionale della Cittadella della Cultura a Bari; 20 milioni per il recupero del patrimonio culturale delle isole Tremiti; 40 milioni per il completamento dei Nuovi Uffizi e la realizzazione del percorso che unisce il museo a Palazzo Vecchio tramite il Corridoio Vasariano; 60 milioni per il completamento del Nuovo Auditorium di Firenze; 5 milioni per l'ampliamento della Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia con l'esposizione delle collezioni dell'Ottocento e del Novecento nella Villa del Cardinale; 8 milioni per il restauro e l'adeguamento della nuova sede del Museo Orientale di Venezia; 25 milioni per il parco archeologico dei Campi Flegrei a Bacoli, Giugliano, Pozzuoli-Rione Terra; 15 milioni per il recupero e la valorizzazione a fini turistico-culturali del patrimonio edilizio dell'isola della Maddalena realizzato nell'ex Arsenale; 15 milioni per recupero e valorizzazione turistico-culturale del waterfront di Genova; 20 milioni per i cammini religiosi di San Francesco e Santa Scolastica con interventi strutturali e infrastrutturali nei tracciati dei percorsi francescani in Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Umbria e Marche; 20 milioni per Appia Regina Viarum con valorizzazione dell'antico tracciato romano fino a Brindisi; 20 milioni per la via Francigena; 70 milioni per il Ducato Estense con il recupero dei beni culturali ecclesiastici e pubblici danneggiati dal sisma; 170 milioni per il completamento di rilevanti interventi di interesse nazionale del patrimonio culturale.

Tags:
cipe1 miliardo beni culturalidario franceschini
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.