A- A+
Culture
Joan Miró - La forza della materia: tra inconscio e immaginifico
Inaugura al MUDEC di Milano la grande retrospettiva su Joan Mirò "La forza della materia"

di Simonetta M. Rodinò

E’ uno dei pochi pittori del XX secolo capace di raggiungere una piena identificazione con le proprie creazioni formali.  Joan Mirò fu infatti maestro nel costruire un alfabeto segnico visivo riconoscibilissimo, apparentemente semplice ma con una straordinaria profondità e varietà di significati.

Il grande artista catalano, mancato 90enne nel 1983, è protagonista della retrospettiva “Joan  Miró.  La forza della materia”, da oggi al MUDEC - Museo delle Culture di Milano. L’ampia selezione di 140 opere, realizzate tra 1931 e 1981, proviene dalla Fundació Joan Miró di Barcellona, dalla collezione di famiglia dell’autore e da prestatori europei.

Miró si dichiarava artista “catalano” - non “spagnolo” - e sempre rivendicò per sé il carattere catalano: realista, rude, fiero delle proprie radici contadine, fortemente attaccato a una tradizione di libertà e d’indipendenza.

Il suo percorso creativo è un di mix tra la realtà di cui si alimentava - il cielo, il mare Mediterraneo, la natura, la storia della cultura…- e magia, mistero, sogno.

Il linguaggio dell’arte supera ogni barriera. Così, d’idiomi e discipline diverse s’incontrarono nel borgo medioevale di St. Paul de Vence, in Provenza, il pittore-scultore e il grande compositore di musica  jazz Duke  Ellington. Che gli dedicò il brano “Blues for Joan  Miró”. Era il 1966. Su quelle note si apre la mostra. Ed è subito atmosfera, piacevolissima atmosfera avvolta da una luce notturna e da pannelli dalle cromie calde e scure che ben si conciliano con i lavori carichi di mistero dell’artista.

L’esposizione, curata dalla Fundació Joan Miró di Barcellona, sotto la direzione di Rosa Maria Malet in collaborazione per l’Italia con Francesco  Poli, e prodotta da 24 ORE Cultura - Gruppo 24 Ore, si snoda cronologicamente e offre al visitatore l’opportunità di indagare i differenti aspetti della sperimentalità di Mirò.

Suddivisa in tre sezioni, nella prima sono ospitati una quarantina di lavori realizzati sino alla fine degli anni ’40 soprattutto in carta, preferita in quella fase agli oli.  E’ il suo mondo immaginario che rimanda anche alla dimensione dell’inconscio e alle allucinazioni oniriche. Sono di questo periodo le “Costellazioni” che nascono come forma di evasione per contrastare le preoccupazioni angosciose legate alle tragedie della guerra.

Negli anni ’50 continua a utilizzare il vocabolario di forme elaborato una decina di anni prima: donne, uccelli, stelle dominano la composizione e danno il titolo alle diverse opere.

La seconda sezione approfondisce da un lato lo sviluppo dei temi della pittura e dall’altro l’uso di materiali grezzi: lavori su legno e carta da imballaggio. Il gusto per la cultura dell’oggetto lo porta all’interesse per la materia, come materia concreta. Ecco le sue sculture in bronzo. Quel bronzo che unificava tutto ciò che aveva raccolto lungo le passeggiate in campagna o sulla spiaggia: rifiuti, cose dimenticate cui dava nuova vita. La rassegna da non perdere si chiude con il segmento dedicato alla grafica, con lavori anche di grande formato.

Fu uno straordinario colorista, che giocava con incredibile maestria - soprattutto negli sfondi - con le sfumature e le variazioni di tonalità, con il chiaro e con lo scuro, ma “paradossalmente, il colore protagonista dei suoi lavori è il nero: quello delle tracce lineari fini o ispessite; quello delle piatte campiture… l’artista riesce quasi sempre, come per incanto, a trasformare il nero in un colore vivace, anche ludico e gioioso, carico di energia vitale”, sostiene Poli.

“Joan  Miró.  La forza della materia”

MUDEC – Museo delle Culture - via Tortona 56 - Milano

25 marzo – 11 settembre 2016

Orari: lun 14.30‐19.30; mar, mer, ven, dom 09.30‐19.30; gio, sab 9.30‐22.30

Ingressi: 12 € Intero | 10 € Ridotto

Info e prenotazioni :  02 54917 - http://www.ticket24ore.it/miro

Tags:
joan miró mostra milanojoan miró la forza della materia mudec milano
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.