A- A+
Culture
Piacenza: lectio magistralis di Fabiola Gianotti, direttore del Cern

La lectio magistralis che Fabiola Gianotti ha tenuto a Piacenza il primo dicembre in occasione dell’annuale assemblea dell’Ugis- unione giornalisti scientifici italiani- ha dimostrato ancora una volta l’eccellenza italiana nella ricerca di frontiera e non solo.

Ripercorrendo con emozione e maestria la vicenda della nascita del Cern, la sua storia, la scelta geniale dei padri fondatori,  in primis Edoardo Amaldi, l’attuale direttore generale del Cern ha sottolineato i significativi contributi della scienza  e della ricerca italiana a questa istituzione, la più importante al mondo per la ricerca sulle particelle elementari  per indagare l’origine e  la storia dell’universo: in una parola per capire chi siamo e come siamo fatti. Per la terza volta,dopo Carlo Rubbia e Luciano Maiani, la direzione di questo polo di ricerca è stata assegnata a un italiano, scelta che denota da sola il prestigio e la considerazione  di cui l’Italia  gode nel variegato mondo della ricerca mondiale.

Nella sua brillante lezione Fabiola Gianotti ha evidenziato l’ultima e forse più importante conquista degli esperimenti condotti con LHC, il più grande acceleratore di particelle che si trova appunto al Cern: la scoperta della particella di Higgs ( 2012), scoperta alla quale  i ricercatori italiani hanno dato un contributo fondamentale. Come ha sottolineato la Gianotti “ il bosone di Higgs è una particella speciale, completamente differente da tutte le altre osservate finora; le sue proprietà ci forniscono indicazioni essenziali sulla fisica che va a oltre il  Modello Standard”.

Tra il 2015 e il 2018 LHC ha lavorato al di là di ogni previsione realizzando 16 milioni di miliardi di collisioni protone-protone a un’energia di 13 TeV ( mille miliardi di elettronvolt) fornendo  una quantità di dati incredibile ( 300 milioni di gigabytes) grazie ai quali è stato possibile  estendere la conoscenza della fisica fondamentale e dell’Universo.

A partire da oggi LHC andrà a riposo per due anni per provvedere a una manutenzione prevista  che preparerà la macchina ad altre sfide, prime fra tutte quelle legate alla comprensione della materia oscura e dell’energia oscura, misteri non ancora risolti  che tutti i ricercatori considerano essenziali per una completa comprensione del mondo.

 

Commenti
    Tags:
    fabiola gianotticernlectio magistralis
    in evidenza
    Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

    Ucraina

    Imprese colpite dalla guerra
    SIMEST lancia una campagna aiuti

    
    in vetrina
    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


    motori
    Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

    Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.