A- A+
Culture
Mostre/ Da Budapest a Milano è arrivata la Madonna di Raffaello

di Simonetta M. Rodinò

Raffaello ha appena compiuto venticinque anni, quando nel 1508 circa, dipinge la "Madonna col Bambino e san Giovannino, oggi conosciuta come "Madonna Esterházy": è in un momento  cruciale della vita e dell'attività.  Giovanissimo ma precoce, l'Urbinate, morirà 37enne a Roma, è già un maestro consolidato e sta tessendo una rete di relazioni ad alto  livello tra Urbino, Roma e Firenze, dove ormai risiede da quattro anni. Proprio "La Madonna Esterházy", prestata dal Museo delle Belle Arti di Budapest, è l'opera centrale della mostra-appuntamento di ogni dicembre che accompagna le vacanze natalizie di Milano. Esposto da domani nella sala Alessi a Palazzo Marino con ingresso libero, il piccolo olio su legno è anticipato da due dipinti simili per soggetto realizzati da due allievi di Leonardo: la "Vergine del Borghetto", migliore copia antica della "Vergine delle rocce" dello stesso da Vinci, attribuita a Francesco  Melzi, e la "Madonna della rosa" di Giovanni  Antonio  Boltraffio. Una sorta di omaggio al grande genio del Rinascimento.

"Non si ha documentazione della tela di Raffaello - spiega il curatore Stefano Zucchi -: è invece verosimile che egli si sia portato il quadro incompiuto da Firenze a Roma. Si tratta di uno dei pochissimi suoi lavori che si possono considerare del tutto autografi. Dai primi stadi di preparazione fino alla fase finale dell'esecuzione." Nella splendida e piccola tavola, dalla superficie oggi arcuata a causa del tempo e delle peripezie subite - un clamoroso trafugamento nel 1983 avvenuto nel Museo di Budapest ed il successivo rocambolesco recupero un anno dopo in un convento in Grecia - si legge la storia della formazione del pittore: dal paesaggio toscano, ripreso dal Perugino, alle composizioni piramidali leonardesche. Nell'opera giovanile, ma già con un'iniziale cifra stilistica prossima alla maturità, caratterizzata da una luce limpida, trasparente, è rappresenta la Madonna che sorregge il piccolo Gesù, che indica san Giovannino assorto nella contemplazione di un sottile cartiglio arricciato. Non ci sono aureole, i bimbi sono nudi e la Madonna è vestita con semplicità. Alla mostra, organizzata da Arthemisia Group, i visitatori saranno ammessi in gruppi.

"La Madonna Esterházy"
Sala Alessi - Palazzo Marino - Piazza Scala, 2 - Milano
3 dicembre  - 11 gennaio 2015
Ingresso libero
Orari: tutti i giorni dalle ore 9.30 alle 20.00
(ultimo ingresso alle ore 19.30); giovedì dalle ore 9.30 alle 22.30 (ultimo ingresso alle ore 22.00)
Chiusure anticipate: 7 dicembre 2014 chiusura alle ore 12.00
24 e 31 dicembre 2014 chiusura alle ore 18.00
Aperture straordinarie: 8 e 25 dicembre 2014 dalle ore 9.30 alle 20.00
1 gennaio  2015 dalle ore 9.30 alle 20.00
Catalogo: Skira
www.comune.milano.it

 

 

Tags:
budapest
in evidenza
Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

Costume

Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.