A- A+
Culture
Parole parlanti, D'Alessandro: i nuovi modi di fruizione dell'arte post-Covid

Sabrina D’Alessandro, Parole parlanti

Sabrina D’Alessandro torna alla Fondazione Mudima con una provocazione che riflette sui nuovi modi di fruizione dell’arte imposti dalle normative anti-covid. I buffet dei vernissage sono banditi. Il vociare che si sentirà entrando in mostra non sarà più quello delle inaugurazioni mondane, ma quello delle stesse opere esposte: Parole parlanti, ognuna con qualcosa da dire.

Tra un’opera e l’altra, inseriti come elemento di disturbo a riprodurre l’atmosfera di quelle inaugurazioni, una serie di pappacchioni, scatti rubati da Sabrina D’Alessandro durante i vernissage in periodo pre-covid (2009-2018). 

Mani che stringono tramezzini, bicchieri mezzi vuoti, culatelli e coltelli; in assenza del buffet reale, l’artista espone le fotografie. Stampe laser su carta, inchiodate al muro in contrasto con la preziosità e la purezza formale delle parole parlanti, incise in oro a caldo su tela rossa. 

Raplaplà, seperòso, redamare… parole recuperate negli anni da Sabrina D’Alessandro e che, come scrive Stefano Bartezzaghi «hanno da dire qualcosa che non si perde mai e ci riguarda da vicino». Per leggerle e ascoltare la loro voce sibillina occorre infatti avvicinarsi, cercando di non farsi distrarre dalle «fameliche vestigia» dei pappacchioni, accompagnati a loro volta da un motto: Art is what makes food more interesting than art (l’arte è ciò che rende il cibo più interessante dell’arte). 

Sabrina DAlessandro Raplaplà Parola parlante 2016
 

È bastato sostituire la parola life con la parola food e la famosa frase di Robert Filliou è diventata la provocatoria definizione di quel che spesso i vernissage furono e potrebbero tornare a essere. Con tutti gli interrogativi sul futuro dell’arte che ne conseguono.

Una delle possibili risposte è già nella mostra, da godere in silenzio e nell’opera in marmo, acciaio e ottone al centro della sala: il Farlingotto, «scultura poliglotta che insegna a tacere in 12 lingue» (2020, courtesy Museo di Santa Maria della Scala, Siena).

14 settembre – 24 settembre 2021
Nei giorni successivi la mostra
sarà poi visitabile nei seguenti orari: lunedì–venerdì 11-13 e 15-19 

Sabrina D’Alessandro

Artista visiva e studiosa del linguaggio. La sua ricerca esplora il rapporto tra parola e immaginario, coniugando arte e linguistica. Nel 2009 fonda l’URPS (Ufficio Resurrezione Parole Smarrite): “Ente preposto al recupero di parole smarrite benché utilissime alla vita sulla terra”. Ha pubblicato per Rizzoli Il Libro delle Parole Altrimenti Smarrite 2011 e Accendipensieri 2021.  

Sabrina DAlessandro Parole parlanti Fondazione Mudima
 

Commenti
    Tags:
    sabrina d'alessandro
    in evidenza
    Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

    Le foto valgono più delle parole...

    Nicole Minetti su Instagram
    Profilo vietato agli under 18

    i più visti
    in vetrina
    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


    casa, immobiliare
    motori
    Citroen: sarà in concessionaria a inizio 2022 la nuova CX 5

    Citroen: sarà in concessionaria a inizio 2022 la nuova CX 5


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.