A- A+
Culture
Si riduce la spesa per la cultura: in 13 anni 21 miliardi in meno

Di Eduardo Cagnazzi

La cultura non è un bene di lusso. Ma, come per la sanità e  scuola, vanno garantiti i livelli essenziali. E su tutto il territorio nazionale. Invece, dal 2000 al 2013, le amministrazioni e le imprese pubbliche locali hanno risparmiato complessivamente 20,8 miliardi di euro solo nel settore cultura e servizi ricreativi. E il Mezzogiorno ha concorso al risparmio nella misura di 8,3 miliardi di euro (di cui 6,6 di spese correnti e 1,7 di spesa in conto capitale). È quanto emerge da una nota di approfondimento di una ricerca Svimez a cura del consigliere Federico Pica e di Alessandra Tancredi dell’Agenzia per la Coesione Territoriale.

I risparmi di spesa corrente. Ipotizzando dal 2000 una spesa annuale dello stesso importo, cioè oltre 2 miliardi al Sud, 3,6 al Nord e 2,2 al Centro, dei 14,2 miliardi di euro mancanti sull’intero periodo, 6,6 riguardano il Mezzogiorno, 4,7 il Nord e 2,9 il Centro. Secondo Svimez, questi dati  evidenziano come i maggiori tagli abbiano riguardato i territori dove gli importi sono minori.

I risparmi in conto capitale. Ammontano a 6,6 miliardi, di cui 1,8 al Sud.  Adottando in quest’ambito la stessa ipotesi praticata per la spesa corrente, emerge che la spesa in conto capitale nel settore cultura nel periodo 2000-2013 avrebbe dovuto essere di 39,7 miliardi di euro, di cui 18,7 al Nord, 10,5 al Centro e 10,4 al Sud. Invece, risultano erogati solo 33,1 miliardi di euro: 17 al Nord (-1,7 mld), 7,4 al Centro (-3,1 mld) e 8,6 al Sud (-1,8).

I risparmi per livelli di governance. Andando ad analizzare la spesa per la cultura delle amministrazioni centrali e periferiche, emerge la forte riduzione di spesa dell’amministrazione centrale, pari a -70%. La spesa corrente a livello nazionale passa infatti dai 3,7 miliardi di euro del 2000 ai 2,7 del 2013: al Sud il calo è di 180 milioni di euro e passa  da 1 miliardo di euro a 844 milioni. Più marcata la flessione della spesa in conto capitale: il miliardo e 100 milioni del 2000 a livello nazionale si riduce 13 anni dopo a 332 milioni (-70%); il Sud passa dai 323 milioni agli 84 del 2013, con un crollo del 74%. Decisamente più contenuti i tagli operati dai comuni e dalle Regioni, per effetto dei fondi europei e del Fas.

Che cosa fare? Come per la sanità e la scuola, sostiene Svimez, alla cultura vanno garantiti i livelli essenziali su tutto il livello nazionale. E’ nel Mezzogiorno, invece, che il settore subisce una duplice penalizzazione, in quanto alla riduzione della spesa in conto capitale totale si aggiunge quella più marcata per le attività connesse alla cultura, che negli ultimi dieci anni risultano pesantemente sacrificate in quanto considerate come voluttuarie, un bene di lusso. Quello che serve, invece, secondo Svimez, è “non soltanto un maggiore impegno finanziario di tutti, ma altresì una effettiva riconsiderazione e riforma dei meccanismi finanziari e istituzionali”. In primis, le spese per la cultura “attengono ai livelli essenziali delle prestazioni (Lep) che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale”. Diritti con portafoglio: “tutti i diritti richiedono, da parte di tutti i livelli di governo, una disponibilità concreta di risorse”. Inoltre, in base all’art.117 della Costituzione, è lo Stato che deve definire i Lep e costruire un meccanismo che li renda disponibili. Occorrerà inoltre, conclude l’organismo romano, definire un sistema di poteri e responsabilità che consenta una gestione adeguata del settore.

 

Tags:
spesacultura
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.