A- A+
Culture
THE GAME, di Alessandro Baricco

di Alessandra Peluso

Nell’immediata visione della copertina del libro “The Game” di Alessandro Baricco si ha la netta sensazione di abbandono, lascito da regole, spazi, tempi e limiti, di sprofondare in un qualcosa che forse si chiama Terra e forse è propria la nostra.

Di chiara fama Baricco, così “The Game”, uscito da poco e già ai vertici delle classifiche. Perché? Perché si ripone fiducia nell’autore? Si dà per certo che si tratti di un capolavoro? Oppure ricorre quel gioco che lui stesso descrive magnetico, paralizzante proprio come i giochi di un videogame?

Intanto, leggendolo è come se si garantisse un passaggio nell’enigmatico “Cube”, un film di Vincenzo Natali, o in “The game” di David Fincher, l’atmosfera che si respira è inquietante. Si cerca nell’immediato una via d’uscita. Trascorrono i minuti, le pagine si divorano, ma il gioco non può essere tra me e l’altro che è in me, si devono coinvolgere gli altri: quelle relazioni intersoggettive quasi obbligate tra individuo e società magistralmente spiegate e interpretate dai grandi sociologi e filosofi classici della modernità. Il gioco si fa duro. E ciò che si focalizza in solitudine, lo si estende in un gruppo, che poi forse è lo stesso che ha aiutato Baricco alla realizzazione del romanzo, o meglio di un saggio, ed è al contempo, ciò che per converso si potrebbe estendere al popolo, alla politica, al potere: le tre “p” che cercano di umanizzare l’individuo falsificando le regole, ribaltando i fini e avviando quella che si è soliti definire “rivoluzione digitale”, ma che coinvolge e travolge, senza che nessuno se ne accorga, il mondo contemporaneo.

Dove ci condurrà “The Game” di Alessandro Baricco? In un ‘non luogo’ se non si riesce a comprendere che alla tecnologia il “cogito ergo sum”, oppure il “Sapere aude”, non impone un limite a se stesso, all’umano. Il digitale ha azzerato le distanze e livellato l’individuo a massa. L’individualismo di massa è ciò che si vive come inconsapevoli attori, protagonisti e non, di un pianeta in cui da ospiti ci si è trasformati in dominatori e ora, come tali subiamo, servi di un rompicapo che lo stesso essere pensante, l’uomo, ha creato.  

L’autore sembra che osservi dall’alto, con il suo deltaplano, la nostra Terra e tra mappe, disegni, e addirittura, commentari, la narrazione assume il tono enfatico di un manuale scolastico, o un indirizzario tipo “google map”, affinché tutti, nessuno escluso, comprendano che dalla Grecia classica, all’Umanesimo e all’Illuminismo, sino alla rivoluzione industriale e con l’avvento della macchina di Alain Turing, di strada se ne è percorsa, la questione da rompicapo è: “dove si andrà a finire?”. A “The Game”, a Baricco l’ardua sentenza.

Ed è proprio qui che “The Game” un libro accattivante, risulta conflittuale, pericoloso, drammatico e perciò stesso necessario: è il gioco della vita, la nostra, dove spesso non siamo noi a decidere, ma gli altri, e dall’affascinante scoperta, dall’ultima generazione dell’i-phone, alla certezza della generazione 2.0. Pirandellianamente “così fan tutti”, con un tocco di polpastrello.  

Alessandro Baricco con “The Game” pubblicato da Einaudi, Stile Libero Big, lancia un SOS, un segnale di soccorso, allarme rosso, ascoltatelo: è molto di più di ciò che narra. È l’intricata realtà di un cubo a più facce, dove le verità sono innumerevoli e scoprire quale è quella giusta è il fine e allora, quando lo si capirà sarà la fine.

Game over.          

Commenti
    Tags:
    the gamealessandro baricco
    in evidenza
    Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

    Neymar superato da Leo

    Messi il Re Mida del calcio
    110 milioni per tre anni al PSG

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

    Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.