A- A+
Home
Dio, Patria e Le Pen. Così Matteo Salvini sfida l’UE
foto di Victor Venturelli
guareschi segreto
 

Anche Berlusconi quando non era imbalsamato ed una replica di sé stesso modalità remake, all’avvicinarsi delle urne rispolverava la fede cattolica, e qualche carezza alle frange più destrorse, ricordando Mussolini. Glielo avrà spiegato Ennio Doris di Banca Mediolanum, che alla fine di ogni spot chiudeva un cerchio con un legnetto per terra.

Ecco, quello è il bacino elettorale cosiddetto moderato, poi da quella posizione ti armi di pazienza e canna da pesca e vai a pigliare voti nelle sacche più radicali, del mondo cattolico e dei fasci. Si fa anche dall’altra parte, a sinistra, solleticando l’anima dei centri sociali, o di tanto in tanto spuntando con l’idea “originale” di una patrimoniale per punire la ricchezza.

Niente di nuovo sotto al Sole, la stessa Chiesa che oggi inveisce contro Matteo Salvini - perlomeno nei ranghi Istituzionali visto che i fedeli votano in massa Lega - quando aveva un bel potere d’influenza la campagna elettorale la conduceva direttamente dentro le parrocchie. Non dimentichiamo la DC, la balena bianca era spiaggiata direttamente sul banco dell’eucarestia.

Nel 1948 quando la Democrazia Cristiana doveva contrastare il Fronte Popolare (socialisti e comunisti), pensarono bene con un colpo di genio di Giovannino Guareschi (scrittore e umorista), di brandire una vignetta che parlasse all’inconscio: “Nel segreto della cabina elettorale Dio ti guarda, Stalin no!”. Alla faccia di Padre Antonio Spadaro, direttore di Civiltà Cattolica che inveisce contro Salvini affinché “non usi Dio per i propri scopi”, non sia mai che qualcuno rubi il mestiere alle parrocchie.

Il leader del Carroccio oramai è irresistibile, perfino la bionda Le Pen lo corteggia, scherzando afferma che lo sposerebbe pure, però il nuovo Re del Sovranismo Europeo è molto più umile di Berlusconi: “Affido l’Italia al cuore immacolato di Maria.” Suona molto più ecumenico, urbi et orbi, da vero Pontefice del consenso, lontano dall’ego: “Sono unto dal Signore.”

A Napoli quando qualcuno viene meno alle sue radici, ad esempio i neomelodici che abdicano al dialetto per la lingua Nazionale, si commenta aspramente: “Ha messo la lingua nel pulito.” Bene, senza crederci troppo, un po’ tutti l’hanno messa sta lingua nell’acqua santa.

 

Di Andrea Lorusso

Twitter @andrewlorusso

lunedì 20 maggio 2019

Commenti
    Tags:
    matteo salvini rosariomatteo salvini diomatteo salvini le pensalvini uesalvini europa
    Loading...
    in evidenza
    Gregoraci, bacio col bel Pierpaolo La piscina è bollente. Foto-Video

    GRANDE FRATELLO VIP 5 NEWS, SQUALIFICA E NOMINATION

    Gregoraci, bacio col bel Pierpaolo
    La piscina è bollente. Foto-Video

    i più visti
    in vetrina
    JENNIFER LOPEZ, bikini da infarto. JLo a 51 anni fa sognare. Le foto delle Vip

    JENNIFER LOPEZ, bikini da infarto. JLo a 51 anni fa sognare. Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Opel Mokka prezzi a partire da 22.200 Euro in Italia

    Nuova Opel Mokka prezzi a partire da 22.200 Euro in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.