A- A+
Economia
La Grecia valuta offerta last minute dell'Ue. Borse ancora in rosso

E' il giorno in cui la Grecia potrebbe entrare in default: scade infatti la rata del prestito da 1,6 miliardi che il Paese ellenico deve rimborsare al Fondo Monetario Internazionale. L’esecutivo ha già fatto sapere di non essere intenzionato a pagare e dovrebbe quindi essere da oggi tecnicamente in crac.

TSIPRAS -  Intanto fonti europee ed elleniche, citate dal quotidiano greco Kathimerini online, hanno fatto sapere che il presidente della commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha fatto un’offerta dell’ultimo minuto ad Atene per arrivare ad un accordo entro la mezzanotte di oggi, quando scade il piano di aiuti. Alexis Tsipras avrebbe inizialmente rifiutato la mano tesa, ma poi - spinto da alcuni ministri, secondo quanto riferisce il quotidiano greco Kathimerini - avrebbe deciso di ripensarci. Anzi, di gestire una contromossa con integrazioni al piano europeo, il suo “piano B”. Il ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, ha comunque ribadito che la Grecia non pagherà il suo debito con il Fondo monetario internazionale ma che il governo spera ancora in un accordo dell’ultimo minuto con i creditori internazionali.

MERKEL PER IL DIALOGO  - "Naturalmente anche dopo mezzanotte non taglieremo fili del dialogo, o non saremmo l’Unione europea», ha detto la cancelliera Angela Merkel, in una conferenza stampa a Berlino. «La porta resta aperta, ma questa è l’unica cosa che posso dire al momento. L’attuale programma degli aiuti finanziari scade a mezzanotte", ha spiegato la cancelliera tedesca.
Angela Merkel si era mostrata dura con Atene negli ultimi giorni. Mario Draghi invece di fatto sosteneva il sistema bancario ellenico e la stessa Grecia - oltre che l’eurozona - per darle ancora un po’ di tempo. Davanti ai dirigenti del suo partito, la Cdu, la Cancelliera aveva reso omaggio, tra applausi scroscianti, a Wolfgang Schäuble per come aveva gestito la trattativa con Atene.

LA NUOVA PROPOSTA JUNKER - L’offerta di Juncker prevederebbe in particolare l’Iva al 13% per gli alberghi e le strutture turistiche - tetto previsto nella proposta greca poi respinta dalla ex Troika, che chiedeva il 23%. Sempre se l’offerta fosse accettata, riferisce il giornale, i ministri delle finanze dell’eurozona potrebbero fare una dichiarazione per la quale un impegno già preso nel 2012, in cui si prendeva in considerazione una dilazione nel pagamento delle scadenze del debito, abbassamento dei tassi di interesse ed estensione di una moratoria sui pagamenti verso la zona euro, sarebbe applicato dal prossimo ottobre. In realtà se Tsipras volesse accettare, dovrebbe farlo per iscritto entro oggi, in tempo per convocare un Eurogruppo d’emergenza per approvare l’intesa, e dovrebbe impegnarsi a fare campagna per il “Sì” nel referendum, mentre sabato notte di fronte al Parlamento greco convocato in seduta straordinaria per il via libera alla consultazione aveva pubblicamente auspicato una vittoria dei no.

BORSE IN CALO - Le Borse europee sono partite in calo anche questa mattina appesantite dalla crisi greca. Alle 9,25 italiane il paneuropeo FTSEurofirst 300 cede l’1% a 1514,90 punti, dopo aver lasciato sul terreno il 2,8% nella sessione di ieri. Dopo il tonfo della vigilia, che ha visto Milano perdere oltre il 5%, nella notte europea le Borse asiatiche hanno recuperato terreno. I mercati continentali, al contrario, hanno continuato a soffrire e dopo un avvio volatile sembrano aver imboccato una decisa strada al ribasso: a Milano il Ftse Mib perde lo 0,61% e il Ftse All Share lo 0,66%, quando le principali Piazze continentali fanno peggio con Parigi (-1,1%) e Francoforte (-1,10%).
 

 

 

 

Tags:
greciafmitsiprasmerkel

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.