A- A+
Economia
Borse, rimbalzo dopo i venti di guerra. Banche centrali market movers
lapresse

Dopo i cali delle precedenti due sedute, le Borse europee hanno tirato il fiato e hanno cercato di mettere da parte, almeno per il momento, i timori per le tensioni in Medio Oriente e il rischio di un'escalation tra Stati Uniti e Iran, dopo l'attacco americano a Baghdad della settimana scorsa.

Gli investitori tornano a concentrarsi sull'andamento dell'economia e sulle prospettive per il 2020, contando sul supporto delle banche centrali. I listini, che avevano rallentato il passo dopo l'apertura brillante, hanno infine chiuso poco sotto i massimi di giornata: Milano +0,6%, Francoforte +0,76%, Parigi -0,02% e Londra sulla parita' (-0,02%), nel giorno in cui si torna a discutere della Brexit in Parlamento.

Debole Madrid (-0,1%), che ha accolto con freddezza il voto di fiducia del Parlamento al nuovo Governo Socialisti/Podemos guidato da Pedro Sanchez. A Piazza Affari scatto di Diasorin (+3,14%) in recupero dopo la debolezza dell'ultimo mese dell'anno e sostenuta dal comparto in Europa e performance positiva per il risparmio gestito, con Azimut (+3,94%) e Finecobank (+3,1%) tra le prime della classe. In particolare, quest'ultima e' sostenuta dall'intervista del Ceo Foti al Sole 24 Ore, in cui ha parlato di prospettive molto positive per il gruppo.

A passo rapido anche St (+2,54%), con i tecnologici tra i migliori del Vecchio Continente. Il greggio ha invertito la rotta (il Wti cede l'1,28% a 62,46 dollari e il Brent cala dell'1,32% a 67,28 dollari), mentre l'oro ha rallentato la corsa ed e' rialzo di un modesto 0,1% a 1.571 dollari l'oncia, dopo aver toccato ieri i massimi dal 2013. Sul mercato valutario, l'euro si conferma in calo sotto quota 1,12 e vale 1,1138 dollari (1,1177 in avvio e 1,1186 ieri), mentre contro yen vale 120,923 (121,18 in apertura e 121,242 ieri). Il dollaro/yen e' a 108,578. Spread in rialzo a 167 punti, dai 164 di ieri.

Sul Ftse Mib buona performance per Unipol (+2,36%), che ha beneficiato del giudizio di Jp Morgan che ha ripreso la copertura del titolo con una raccomandazione "overweight" e un prezzo obiettivo a 6,35 euro per azione (il titolo ha chiuso a 5,128 euro). Inoltre, ha rimbalzato Atlantia (+2,03%), in attesa del nuovo piano industriale di Aspi e mentre resta aperta la trattativa con il Governo: secondo il Sole 24 Ore il vertice che deve decidere sulla revoca della concessione e' slittato per dare piu' tempo al premier Conte di negoziare fra le parti. In generale bene i titoli industriali, con Leonardo (+1,33%) e Pirelli (+1,4%) in netto rialzo.

Positiva anche Fca (+0,47%), nel giorno in cui la societa' ha segnalato che le immatricolazioni in Brasile sono aumentate del 14,5% nel 2019, con una quota di mercato aumentata al 18,7%. Debole Eni (+0,03%), che era salita molto ieri sulla scia del rialzo del greggio, trascurate le utility. Comunque pochi i titoli in calo, con Cnh Industrial (-0,67%, Juventus (-1,14%) e Campari (-1,23%) tra le peggiori. In fondo al listino principale e' finita Telecom (-0,9%), mentre emerge il caso in Brasile per fatti di corruzione relativi agli anni 2002-2006, al fine di conquistare una rilevante fetta di mercato delle telecomunicazioni in Brasile.

Gli analisti, ritengono comunque che le notizie provenienti da Oltreoceano non impatteranno sul gruppo. Fuori dal listino principale, Brunello Cucinelli (+7,55%) festeggia i ricavi preliminari del 2019, cresciuti di quasi il 10% soprattutto grazie all'estero, e l'outlook positivo sull'anno in corso, per il quale la societa' attende "profitti sani, equilibrati e sostenibili". Tra le migliori Mondo Tv France (+31,58%) e il gruppo attivo nel comparto sostenibilita' Innovatec (+8,79%, dopo essere stata in asta di volatilita' per ampia parte della seduta), che da tempo preme sull'acceleratore e ha chiuso il 2019 con un rialzo superiore al 300%. 

Loading...
Commenti
    Tags:
    borsemercati
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Marini-Elia, scoppia la rissa Spinte, urla e accuse nella Casa

    Grande Fratello Vip bufera-news

    Marini-Elia, scoppia la rissa
    Spinte, urla e accuse nella Casa


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Opel Insignia GSi con trazione integrale avanzata, ordinabile da marzo

    Nuova Opel Insignia GSi con trazione integrale avanzata, ordinabile da marzo

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.