A- A+
Economia
Enrico Cucchiani (1)

 

Crediti in sofferenza in crescita di 800 milioni, che superano nel complesso i 12 miliardi e aumento degli accantonamenti (in maniera prudenziale) anche in vista degli stress test che le autorità europee svolgeranno sulle banche europee nella seconda parte dell'anno.

Intesa-Sanpaolo, il primo istituto di credito italiano (anche per numero di sportelli) guidato da Enrico Cucchiani, paga così lo scotto alla recessione che attanaglia l'economia del nostro Paese, registrando nel semestre un utile netto di 422 milioni, in calo del 58% dai 1,27 miliardi di profitti realizzati nello stesso periodo dello scorso anno. Nel solo secondo trimestre 2013, l'utile netto è sceso a 116 milioni di euro dai 470 milioni di un anno fa e rispetto ai 183 milioni del consensus degli analisti finanziari. Risultati che, aprendo la banking season (Intesa è stata la prima fra le banche tricolori a comunicare al mercato la semestrale di bilancio), hanno deluso il mercato che ha punito il titolo con le vendite: nel primo pomeriggio le azioni lasciano sul terreno oltre il 3%.  

Banca Intesa San Paolo

A pesare sulla fotografia del bilancio a metà anno sono stati dunque gli accantonamenti e le rettifiche cresciute a 2,84 miliardi di euro da 2,224 miliardi e che, quindi, hanno eroso la redditività.

In particolare, gli accantonamenti per perdite su crediti sono lievitati del 25% nella prima parte dell'anno a 2,56 miliardi di euro. Nel solo secondo trimestre, sono stati pari a 1,4 miliardi rispetto agli 1,2 miliardi attesi dagli analisti.

I crediti deteriorati nel portafoglio di Intesa Sanpaolo sono aumentati nei primi sei mesi del 4,2% a 29,65 miliardi di euro con quelli in sofferenza cresciuti di 800 milioni di euro, oltre i 12 miliardi, con un'incidenza sui crediti totali pari al 3,4% (rispetto al 3% di dicembre) e un grado di copertura del 61,1% (era al 60,5% a fine 2012). Mentre i crediti verso la clientela del gruppo sono scesi a 358 miliardi di euro, in flessione del 4,8% rispetto alla fine del 2012 e del 4,5% rispetto alla prima metà del 2012.

Nella conference call con gli analisti finanziari, il consigliere delegato Enrico Cucchiani, parlando della solidità patrimoniale della propria banca, ha spiegato che la revisione della qualità degli attivi e i prossimi stress test potrebbero mettere sotto pressione i bilanci degli istituti europei e per questo saranno possibili nuovi aumenti di capitale, che non saranno indolori. Ma Intesa Sanpaolo non sarà fra queste banche. "Siamo ben preparati per l'asset quality review e per lo stress test. Ne usciremo davanti ad altri player. Siamo una delle banche più solide e meglio capitalizzate a livello europeo", ha affermato infatti il capo azienda. 

Anche se l'utile semestrale è stato "pesantemente impattato dalla nostra posizione prudenziale", Cucchiani ha fatto capire che la distribuzione della cedola non verrà messa in forse, anche se "l'effettivo pagamento rifletterà anche l'evoluzione del settore".

 

Tags:
intesa
i più visti
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.