A- A+
Economia
Dl Sostegni, Re David (Fiom): "No ai licenziamenti, danno al Paese"

“La decisione presa dal Governo con il Decreto Sostegni di interrompere dal 30 giugno il blocco dei licenziamenti è un danno ai lavoratori dell’industria e all’interesse generale del Paese. L’emergenza pandemica persiste ed ha un forte impatto sui metalmeccanici, ma stando al provvedimento del Consiglio dei Ministri dal 1° luglio le imprese potrebbero tornare ad aprire procedure di licenziamento come nella situazione pre-pandemia". Lo dichiara in una nota Francesca Re David, segretaria generale Fiom-Cgil.

"La Fiom - prosegue la numero uno dei metalmeccanici di Corso d'Italia - chiede una modifica sostanziale del provvedimento garantendo alle lavoratrici ed ai lavoratori il pieno utilizzo degli ammortizzatori sociali disponibili, impedendo per questa strada i licenziamenti e garantendo continuità agli attuali occupati. La Fiom ritiene inoltre che al contempo siano rivisti gli ammortizzatori e gli strumenti necessari ad una transizione non traumatica sul piano sociale della trasformazione industriale, ambientalmente compatibile e digitale, attraverso un investimento sul contratto di solidarietà difensivo ed espansivo, ed il fondo nuove competenze. E’ necessario intervenire con adeguate misure normative ed economiche: aumentare l’indennità di cassa e favorire la rimodulazione e la riduzione dell’orario di lavoro. Infine, promuovere la staffetta generazionale rivolta all’occupazione giovanile".

"Lo Stato - ha aggiunto ancora Re David- ha ritenuto i lavoratori dell’industria, dall’inizio della pandemia, fondamentali ed essenziali per l’intero Paese. Siamo costretti a constatare che i provvedimenti presi nel Decreto Sostegni penalizzano i metalmeccanici ed è fino ad oggi mancato il confronto sul merito. Chiediamo al Governo, ed in particolare ai Ministeri competenti, di aprire il confronto sulle scelte di politica industriale e occupazionale nell’industria. Per la Fiom le risorse, a partire da quelle del Recovery Fund, potranno innovare la nostra industria se valorizzeranno il lavoro, pertanto riteniamo fondamentale che i piani industriali siano realizzati insieme a piani occupazionali condivisi con le lavoratrici ed i lavoratori.

"I sindacati dei metalmeccanici, Fiom Fim e Uilm, hanno chiesto nei giorni scorsi - conclude - un incontro ai Ministri dello Sviluppo Economico e del Lavoro per affrontare le crisi dall’elettrodomestico all’automotive, dalla siderurgia all’aerospazio: settori strategici per l’Italia in cui sono a rischio migliaia di posti di lavoro. E’ pertanto indispensabile un tavolo in cui le nostre proposte siano oggetto di un confronto vero con il Governo”.

 

Commenti
    Tags:
    decreto sostegnifrancesca re david (fiom)
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Diletta Leotta: "Can Yaman? Matrimonio non è saltato e..."

    Le rivelazioni della showgirl

    Diletta Leotta: "Can Yaman?
    Matrimonio non è saltato e..."


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot 508 Sport Engineered, ruggito e sostenibilità in un’unica auto

    Peugeot 508 Sport Engineered, ruggito e sostenibilità in un’unica auto

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.