A- A+
Economia
Edward Luttwak analizza su Affaritaliani.it il crollo delle Borse


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Crollo delle Borse mondiali, dalle asiatiche all'Europa fino agli Stati Uniti. Che cosa sta succedendo?
"La cosa da fare è andare in spiaggia e chiudere le comunicazioni. Non guardare la televisione, non leggere i giornali e non sentire la radio per circa due settimane. E poi tutti si calmeranno".

Ma quali sono le cause di questo crollo dei mercati?
"C'è stata una bolla. Draghi stampa soldi e li butta in giro. La Federal Reserve stampa soldi e lui li butta in giro. Tutto è aumentato, la bolla si è gonfiata e ora si sgonfia".

Servirebbe una riunione urgente del G20?
"No, farebbero solo un po' di business per le compagnie aeree ma non combinerebbero niente. E' un mercato che è stato gonfiato e adesso si sgonfia, semplice. Il piano di regalare miliardi in giro alle banche per creare crescita è fallito. Non c'è crescita in Europa. La formula non funziona, aver stampato soldi ha gonfiato i valori e ora la bolla si sgonfia. Tutti noi saremo più poveri del 10%".

E' colpa di Obama?
"Non c'entra. E' la banca federale Usa. Le banche centrali hanno fallito. Avere fatto di Draghi una specie di dio è una cosa assurda e spero che tutti si rendano conto del suo fallimento. Ma non è differente quello che ha fatto la Federal Reserve. Interessi zero e miliardi prestati alle banche per fare crescita, che però non c'è. La crescita si fa con la liberalizzazione, togliere le regole che intralciano. L'unico modo per creare la crescita è quello di eliminare i mille lacci e lacciuoli. Dare soldi gratis alle banche è una strategia che è fallita".

Il governo Renzi stima +0,7% il Pil quest'anno e più 1,5% il Pil nel 2016. Alla luce di questa crisi le stime andranno riviste al ribasso?
"Si parla di zero. Non vale la pena di continuare il discorso".

Perché?
"Qualsiasi governo che con una disoccupazione giovanile tragica stima una crescita dello zero qualcosa dovrebbe essere rimosso e rimpiazzato da un altro governo. Non è tollerabile avere gli zero quando la disoccupazione giovanile è così alta. Non funziona. C'è un'emergenza, che si chiama distruzione di una generazione disoccupata, e richiede misure di emergenza. Ci vogliono le autoblindo e si deve fare tutto il necessario".

Cioè?
"Togliere i lacci e i mille impedimenti che non permettono agli italiani di lavorare. Ci sono mille vincoli della legge italiana che non consentono ai cittadini di lavorare. Siamo in uno spirito di guerra, ma la colpa è dei giovani che invece di andare in strada mangiano la minestra della mamma. La formula è fallita. Il piano Draghi è fallito".

Quindi l'Italia si scorda la crescita dell'1,5% il prossimo anno...
"Certo, sicuro. 0,7%, 0,5%... qui abbiamo un'emergenza e servono misure di emergenza. I gruppi istituzionali che bloccano questo devono essere schiacciati come scarafaggi. Si tratta delle disoccupazione giovanile. Vanno levate tutte quelle tutele per chi ha un posto di lavoro ai danni di chi potrebbe averlo".
 

Tags:
edward luttwakluttwakborse
Loading...

i più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
DS7 Crossback, sotto il cofano il nuovo motore benzina da 225 CV

DS7 Crossback, sotto il cofano il nuovo motore benzina da 225 CV


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.