A- A+
Economia
Fmi: "In Italia 20 anni per tornare ai livelli pre-crisi"

Il tasso di disoccupazione in Italia restera' alto nel medio termine e ci vorranno 20 anni per tornare ai livelli pre-crisi. E' quanto si legge nel rapporto sull'Eurozona del Fondo monetario Internazionale. Il tasso di disoccupazione, spiega l'Fmi, "e' atteso rimanere piu' alto che durante la crisi in Italia, e ai livello del periodo di crisi in Francia nel medio termine". Il Fondo prevede invece un calo del tasso di disoccupazione in Spagna che rimarra' comunque sopra il 15%. Secondo le previsioni dell'Fmi, senza "una significativa ripresa della crescita", la Spagna impieghera' quasi 10 anni, mentre Italia e Portogallo quasi 20 anni, per ridurre il tasso di disoccupazione ai livelli pre-crisi.

L'alto tasso di disoccupazione giovanile nell'Eurozona potrebbe danneggiare il potenziale del capitale umano e dar luogo a una 'lost generation'. E' quanto si legge in una rapporto del Fondo monetario internazionale. "Nonostante i recenti miglioramenti - sottolinea il Fondo - il tasso di disoccupazione rimane sopra l'11% nell'area euro e vicino al 25% in Grecia e Spagna. La quota di disoccupazione di lungo termine continua ad aumentare, accrescendo i rischi di un'erosione delle capacita'".

Tags:
fmi
i più visti
in evidenza
Non solo caldo africano... Attenti ai temporali violenti

Meteo, eventi estremi

Non solo caldo africano...
Attenti ai temporali violenti


casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.