A- A+
Economia
Generali pronta ad aumentare il dividendo. Trevisani al posto di Balbinot

Utili in leggero calo per Generali che ha chiuso i primi nove mesi del 2014 con profitti netti a 1,58 miliardi di euro rispetto agli 1,59 miliardi dello stesso periodo del 2013. L'operatività del gruppo, però, viaggia a gonfie vele visto che il risultato operativo è in crescita del 12,8% con prospettive di chiudere il 2014 meglio dell’anno precedente. Dalla compagnia assicurativa, precisano che escludendo gli effetti delle operazioni discontinue, vale a dire le dismissioni di Bsi e Fata, l'utile netto dei primi nove mesi dell'anno risulta in aumento del 7,5% grazie proprio alla crescita del risultato operativo.

I premi complessivi sono saliti nel periodo a 51,3 miliardi di euro (+6,4%). In dettaglio, nel ramo vita il risultato operativo è aumentato dell'11% a 2,3 miliardi e i premi sono cresciuti del 9,6% a 35,7 miliardi. Nel danni, invece, Generali ha registrato un risultato operativo pari a 1,5 miliardi (+11,8%) con premi stabili a 15,6 miliardi. Nel segmento finanziario, invece, l'incremento del risultato finanziario è stato del 17,8% a 323 milioni, sostenuto dalle performance di Banca Generali. Nei nove mesi il Solvency I ratio della società si posiziona al 160%. Il patrimonio netto di gruppo è salito a 22,5 miliardi al 30 settembre, a fronte dei 19,8 miliardi di fine 2013. Generali  mostra, secondo il chief financial officer Alberto Minali, una "forte solidità patrimoniale", che crescerà ulteriormente con la chiusura della cessione di Bsi "attesa nel primo trimestre del 2015". "Questi risultati riflettono le strategie messe in atto per orientare la nostra offerta verso prodotti a maggior valore aggiunto", ha commentato il direttore finanziario. "Il gruppo lavora con impegno per realizzare il piano strategico e si aspetta, a fine 2014, un risultato operativo migliore rispetto a quello dell'anno precedente".

Sul fronte delle partecipazioni, la compagnia guidata da Mario Greco si attende che le autorità diano il via libera allo scioglimento della scatola Telco il prossimo febbraio. "Con questa situazione di capitale ci sentiamo" pronti a "rimuovere il vincolo del 40% che ci eravamo posti sul payout ratio e quindi ci attendiamo di corrispondere agli azionisti una cedola più alta", ha aggiunto poi Minali.

In conference call, il Ceo Mario Greco ha spiegato che la sostituzione nel consiglio di amministrazione di Generali di Paolo Scaroni, dimessosi a inizio ottobre dall'incarico di consigliere,  non era all'ordine del giorno del cda di ieri. "Vedremo quando saremo pronti per la nomina", ha risposto il manager a una domanda di un analista.

Nel frattempo Generali ha nominato il nuovo responsabile delle attività assicurative e riassicurative dopo l'uscita di Sergio Balbinot. Si tratta di Valter Trevisani, Group head of insurance and reinsurance. Lo ha annunciato l'amministratore delegato del Leone, Mario Greco. Trevisani è un manager cresciuto all'interno del gruppo e, in precedenza, affiancava proprio Balbinot. Riporterà direttamente a Greco.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
generalitrimestrale
i più visti
in evidenza
Barak, nuovo crack della serie A Milan in pole. Ma la Juventus...

Calciomercato

Barak, nuovo crack della serie A
Milan in pole. Ma la Juventus...


casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe G e GLE: nel 2021 le più vendute del proprio segmento

Mercedes Classe G e GLE: nel 2021 le più vendute del proprio segmento

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.