A- A+
Economia
Lavoro, Ichino: "Riforma anche senza i sindacati. Per Renzi via l'articolo 18 per sempre"

“Bisogna fare la riforma del lavoro anche senza i sindacati, se i sindacati non capiscono l’importanza”. Il senatore giuslavorista Pietro Ichino butta benzina sul fuoco sul terreno scivoloso della legge delega sul lavoro, o Jobs Act, in cui il governo deve riscrivere anche il delicato capitolo delle tutele nei licenziamenti (articolo 18). Materia che sta facendo salire la tensione fra la Cgil e il premier Matteo Renzi.

“Bisogna saperla fare anche senza il sindacato", ha spiegato poi l'ex Pd in un'intervista a Mix 24. "Il sindacato tedesco nel 2001-2002 accettò la sollecitazione forte di Schroeder, leader social democratico, e fecero quella riforma. Sì, bisogna farla sapendo poi che una volta fatta nessuno proporrà di tornare indietro”.

Ma si fa per decreto?  “La via maestra è fare la legge in fretta e bene come mi sembra che stiamo facendo, certo se ci fosse un grave inciampo su questa strada…Ieri in commissione al senato abbiamo approvato.. io spero e credo che il PD sia capace di far digerire questa scelta anche alla propria minoranza”. E sui sindacati: “Una parte del sindacato è ancora convinto che la sicurezza del  lavoratore, il lavoro stesso, possano essere dati per legge. Mentre la sicurezza del lavoratore è data da un mercato in cui abbonda la domanda di lavoro, ma per questo dobbiamo aprire il sistema agli investimenti stranieri. L’Italia è chiusa agli investimenti stranieri”. Pensa che potrebbe esserci un Autunno caldo? “Io non credo, perché il cuore dell’autunno caldo oggi ha perso il suo valore. I sindacati minacciano lo sciopero ma non lo fanno, e credo non lo faranno”.

“Attenzione, l’articolo 18 riguarda 9 milioni di rapporti di lavoro dipendente su 18 milioni, quindi è una protezione che riguarda meno della metà dei dipendenti italiani. Renzi ha sbagliato quando ha detto che riguarda solo quei 10 mila per cui vengono emesse sentenze. Il fatto che ci siano state solo 10 mila sentenze in un anno si riferisce solo al contenzioso, che riguarda l’area di incertezza sull’applicazione della norma”, ha aggiunto poi Ichino. "Il vero punto di scontro è l’interpretazione del contratto a tutela crescente. Sarà per sempre o per tre anni? E’ un punto?", chiede Giovanni Minoli, conduttore di Mix24. “C’è una discussione su questo punto, noi su questo punto abbiamo accettato, in seno alla maggioranza, l’arbitrato del governo, ma io credo che anche Matteo Renzi nel suo discorso alla Camera e al Senato di martedì sia stato molto esplicito. Credo - ha concluso Ichino - che la logica di questo profondo cambiamento su cui stiamo lavorando porti a una sicurezza che non è più data dal vecchio sistema. Io spero che l’esito sia per sempre e mi sembra che il governo vada in questa direzione e che anche Renzi sia molto convinto”.

Tags:
lavoroichinodelegaarticolo 18
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.