A- A+
Economia
Moby, 200 milioni il conto del crac: tutto a banche e obbligazionisti

I SOLDI A GRILLO E CASALEGGIO

Non solo ma Onorato finanziava con soldi della società partiti e movimenti politici: a Beppe Grillo srl un contratto pubblicitario da 120 mila euro annui per 2 anni; 600 mila annui alla Casaleggio Associati; altri 400 mila euro a partiti politici vari; 2,8 milioni alla società del jet privato; 600 mila euro di noleggio di auto di lusso. Sempre soldi che uscivano dalle casse della Moby. 

POCHI SPICCIOLI IL SACRIFICIO DELLA FAMIGLIA

Ora che il disastro è compiuto il presidente Vincenzo Onorato ha deciso di rinunciare al suo compenso come presidente del board di Moby pari a 3 milioni annui per un periodo di 4 anni. E la famiglia tramite la Onorato Armatori srl socio unico di Moby parteciperà al sacrificio per il salvataggio con 2 milioni di euro.  

Un sacrificio meramente simbolico da poche decine di milioni di euro da parte di Onorato e della sua famiglia. Una goccia nel mare di 460 milioni di debiti finanziari per soddisfare la sete di acquisizioni, in cui sta annegando da tempo l’ex regina dei traghetti.

Commenti
    Tags:
    mobyarmatore onorato mobyconcordato mobybanche creditrici mobytraghetti mobyobbligazionisti moby
    i più visti
    in evidenza
    Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

    VIDEO

    Terence Hill lascia Don Matteo
    Applauso d'addio della troupe


    casa, immobiliare
    motori
    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.