A- A+
Economia
Rfi, "Napoli-Bari". Pubblicato sulla Gazzetta europea bando da 1,5 miliardi

Decisivo passo in avanti per la realizzazione della linea AC/AV Napoli - Bari di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane). E’ stato pubblicato oggi sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea il bando di gara per l’ultimo lotto della tratta Hirpinia-Orsara, lunga circa 28 km, per un investimento complessivo di 1,5 miliardi di euro.

Dal prossimo anno tutti i cantieri della linea AC/AV Napoli -Bari saranno operativi. Entro il 2023, con il completamento delle prime tratte (Napoli-Cancello e Cancello-Frasso), partirà il primo collegamento diretto tra Napoli e Bari con successiva estensione dell’itinerario fino a Lecce e Taranto.

Il bando                                                                                                                                                                        La pubblicazione è resa concreta grazie al finanziamento e alla registrazione presso la Corte dei Conti del Contratto di programma parte investimenti 2017-2021 tra il Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti e Rfi e alla successiva approvazione in linea economica del progetto da parte del Commissario.

LA NAPOLI - BARI VOLANO PER L’ECONOMIA                                                                                                                Considerata un’opera strategica per lo sviluppo economico del Sud e dell’intero Paese, con i suoi 6,2 miliardi di investimenti produrrà ricadute economiche importanti su imprese e lavoratori. A regime saranno circa 4mila le persone, tra imprese appaltatrici e indotto, ad essere impegnate nella realizzazione della nuova linea con significativi benefici per l’economia delle regioni coinvolte. La Napoli - Bari, di cui il Gruppo Fs Italiane attraverso Rete Ferroviaria Italiana è committente, è parte integrante del Corridoio ferroviario europeo Ten-T Scandinavia-Mediterraneo. Nel 2026, alla conclusione dei lavori, faciliterà gli spostamenti di persone  e merci da Bari verso Napoli e Roma. Sarà possibile andare da Bari a Napoli in 2 ore e da Bari a Roma in 3 ore. Dal 2023 con la progressiva apertura delle tratte ultimate sono previste riduzioni al confronto degli attuali tempi di viaggio.

I numeri                                                                                                                                                                          Linea a doppio binario da realizzare: 121 km

Nuove gallerie: 9 (lunghezza complessiva 63 km)

Nuovi viadotti: 25 (lunghezza complessiva 11,7 km)

Nuove stazioni: 14

Velocità massima consentita: 250 km/h

Lotti                                                                                                                                                                                In costruzione: Napoli – Cancello, Cancello - Frasso, Frasso – Telese e Apice -

Hirpinia. Video Napoli - Cancello Video Cancello -Frasso Telesino

In aggiudicazione: Telese - San Lorenzo e San Lorenzo - Vitulano. Video

Frasso Telesino - Vitulano

In gara: Orsara – Bovino e, da oggi, la Hirpinia -Orsara. Video Apice -Orsara

Ultimati: dal 2017 la tratta pugliese Bovino –Cervaro è ultimata e attiv

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    reteferroviariaaltacapacità
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.