A- A+
Economia

 

 

OPERAI LAVORO


L'andamento del Pil potrebbe peggiorare ancora nel II trimestre. E' il commento ai dati Istat di oggi di Paolo Mameli, economista del servizio studi di Intesa Sanpaolo, che spiega: "In Italia il Pil è calato più del previsto nel primo trimestre, con una flessione dello 0,5% congiunturale (comunque in miglioramento rispetto al -0,9% di fine 2012). La variazione annua migliora dal -2,8% al -2,3%. Il dettaglio non e' ancora disponibile, ma il calo del valore aggiunto sembra dovuto principalmente a servizi e costruzioni, mentre l'industria in senso stretto dovrebbe aver dato un contributo circa nullo".

Mameli prosegue affermando che "è probabile che la flessione per consumi privati, investimenti in costruzioni e spesa pubblica sia stata circa in linea con quella registrata il trimestre precedente, mentre meno accentuato dovrebbe essere risultato il calo per gli investimenti e in particolare per quelli in macchinari e attrezzature".

In sintesi, prosegue, "il dato segnala rischi al ribasso sulla nostra stima di un Pil (in flessione dell'1,5% nel 2013), visto che l'attivita' economica e' attesa rimanere in territorio negativo nei trimestri centrali dell'anno, e anzi non è da escludere un peggioramento nei mesi da aprile a giugno".

Tags:
intesatrimestrepil
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.