A- A+
Economia
Piombino non deve chiudere: gli operai della Lucchini cantano Frankie Hi-nrg

Gli operai delle acciaierie di Piombino puntano il dito contro l'ipocrisia della classe dirigente per cercare di scongiurare la chiusura egli altoforni toscani spenti lo scorso aprile. E lo fanno sulle note di "Quelli che benpensano" di Frankie Hi-nrg, hit del 1997 allora scritta contro il perbenismo del potere e dei ricchi, in un video prodotto da Klaus Davi e Marco Bussinello.

video rap operai
 
Piombino non deve chiudere: gli operai della Lucchini cantano Frankie Hi-nrg. Guarda il video

Ora le RSU puntano su questo nuovo video provocatorio per attirare l'attenzione sulla situazione drammatica in cui si trova Piombino da mesi, utilizzando un mezzo potente come la musica con le parole di un brano che punta il dito contro l'ipocrisia della classe dirigente.

La vicenda di Piombino vede a rischio le acciaierie Lucchini che attualmente sono in attesa di un nuovo acquirente e di una decisione del Governo Renzi se il relitto della Concordia verrà assegnato a Piombino o a Genova. Sono oltre 4mila le famiglie a rischio che vivono dell'attività della Lucchini, di cui molte monoreddito.

Tags:
piombinolucchini
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio

Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.