A- A+
Economia
Superbonus 110: come funziona, cessione del credito, requisiti e tutte le info

Il Superbonus 110 consiste in una detrazione fiscale del 110% su alcuni interventi di riqualificazione ambientale per lavori svolti fino al 31 Dicembre 2021.

Puoi effettuare i lavori nella tua abitazione principale, nella seconda casa, o ancora nella tua nuova casa se ti trasferisci, dove potrai effettuare i lavori, accedere al superbonus e farti anche assistere nel cambiare gestore del gas.

Grazie alle indicazioni stilate da Prontobolletta.it cerchiamo di capire in maniera semplice come accedere al Superbonus per le riqualificazioni edilizie.

Il Superbonus, prima di tutto, non è una novità assoluta, infatti, magari meno conosciuti, ma erano già in vigore due bonus che garantivano una possibilità di detrazione fiscale dal 50% all’85%, applicabili per:

•    interventi di riqualificazione del patrimonio edilizio (conosciuto come Sismabonus)
•    interventi di riqualificazione energetica (con il nome di Ecobonus)

La novità però è nella forma della detrazione, a cui infatti da quest’anno si potrà accedere in anticipo tramite le forme giuridiche:

•    dello sconto dal fornitore
•    e della cessione del credito

Che cos’è il Superbonus e come accedere all’agevolazione?

Il superbonus è una detrazione di imposta, e di conseguenza ha effetto sull’ammontare dell’imposta ma non sul reddito imponibile lordo, e non sull’ammontare dell’aliquota fiscale.

Per capire: fatto il tuo reddito imponibile 100, con un’aliquota fiscale del 20%, se il Superbonus ti da accesso a una detrazione di 5, ti ritroverai a pagare un’imposta totale di 15.

100 x (20%) = 20 = imposta lorda

20 – 5 (detrazione fiscale) = 15 = imposta netta

I tipi di detrazioni del Superbonus per tipologia di intervento

Il decreto distingue tra due tipi di interventi: trainanti e trainati. Alla prima categoria di interventi trainanti spettano i bonus maggiori. Questi Superbonus sono applicati anche agli interventi trainati solo se eseguiti insieme ad interventi trainanti.

Gli interventi trainanti
•    Isolamento Termico: su una superficie maggiore del 25% della superficie disperdente lorda.
•    Sostituzione di impianti di climatizzazione, raffrescamento, riscaldamento e fornitura d’acqua
•    Interventi Antisismici

Gli interventi trainati

Questi interventi possono accedere al Superbonus solo se eseguiti in contemporanea con almeno uno degli interventi di cui sopra, e sono:

•    Lavori di efficientamento energetico
•    Installazione di colonnine di ricarica per mezzi elettrici
•    Impianti solari fotovoltaici
•    Installazione di sistemi di accumulo

Chi può accedere al Superbonus?

Ricordiamo che il Superbonus non si applica agli edifici classificati come abitazioni signorili, ville e castelli.

E di conseguenza il bonus è accessibile da:
•    condomìni
•    persone fisiche
•    Istituti di case popolari
•    Cooperative ed imprese no-profit
•    Associazioni sportive dilettantistiche

In particolare la detrazione spetta al soggetto che abbia sull’immobile un diritto reale di godimento (proprietà, nuda proprietà, uso, usufrutto, abitazione, superficie). O al locatario che esegua i lavori con il consenso del proprietario.

Come si misura la detrazione?

L’importo detraibile con il Superbonus ammonta al 110% dell’ammontare pagato per i lavori (con certi massimali), e viene suddivisa in 5 quote annuali.

La misura della detrazione non potrà ovviamente essere superiore all’imposta lorda annuale.

Per consultare i massimali di detrazione per i vari interventi potete recarvi sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

I requisiti per essere ammessi al Superbonus

Affinché i lavori siano ammessi al Superbonus essi dovranno rispettare i requisiti imposti dal Ministero dello Sviluppo Economico.
•    E dovranno assicurare un miglioramento di almeno 2 classi energetiche dell’edificio in seguito ai lavori. E come si misura? Bisogna richiedere un Attestato di Prestazione Energetica (APE) prima e dopo i lavori.
•    Accederete al Superbonus se i lavori vi consentiranno di passare da una classe energetica E ad una classe energetica C, per esempio.

Come anticipare la riscossione della detrazione?

Esistono due modi per non dover aspettare 5 anni per rientrare dell’investimento o per non dover pagare tutto l’ammontare dei lavori in un primo momento.
1.    Lo sconto: è possibile usufruire di uno sconto direttamente dall’impresa che presta i lavori, di un’importo massimo pari all’importo dei lavori. Il fornitore godrà così di un credito d’imposta cedibile.
2.    Il credito d’imposta: il credito con il fisco che si viene a creare una volta pagato l’importo dei lavori, potrà essere riscattato nelle canoniche 5 quote annuali. Ma si tratta di un credito che è anche cedibile, e che può essere venduto ad istituti di credito o altri intermediari finanziari, o altri soggetti.

Quali sono le condizioni per applicare lo sconto o la cessione?

Questa operazione per anticipare la possibilità di usufruire dello sconto o della cessione del credito i lavori devono riguardare alcuni specifici settori:
•    Recupero del patrimonio edilizio
•    Riqualificazione energetica (Ecobonus)
•    Progetti antisismici (Sismabonus)
•    Restauri delle facciate
•    Impianti fotovoltaici
•    Colonnine di ricarica per veicoli elettrici

Gli adempimenti burocratici per accedere al Superbonus

Per poter beneficiare delle detrazioni del Superbonus è necessario adeguarsi ad alcuni adempimenti burocratici previsti dal Decreto. I documenti necessari sono:
•    Visto di conformità: che verifichi l’esistenza dei presupposti per accedere al Superbonus
•    Una dichiarazione di un tecnico specializzato, in caso di interventi di efficientamento energetico
•    Una dichiarazione di un professionista in caso di interventi antisismici

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    superbonus
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.