A- A+
Economia
Uber rischia l'espulsione dalla Francia. Al via la mobilitazione di 500mila clienti

Uber solo contro tutti. Giornata decisiva in Francia per la società californiana la cui app consente di prenotare una vettura con conducente: il Tribunale del Commercio di Parigi deciderà se concedere o meno l'autorizzazione ad operare.

Criticato sin dal suo ingresso nel mercato francese sia dai tassisti sia dal governo, Uber è stato portato davanti al giudice  proprio dai suoi concorrenti, la VTC.  I primi di novembre, infatti, la società LeCab  e la sua controllata Greentomatocars hanno denunciato la "concorrenza sleale" del servizio, lanciato in Francia nel mese di febbraio, che permette agli automobilisti di diventare tassisti "non professionale" ad un prezzo imbattibile.

Un nuovo colpo appena due settimane dopo che UberPOP è stato condannato a una multa di 100.000 euro dalla Corte Penale di Parigi, che aveva giudicato "fuorviante" promuovere il servizio come carpooling.

Uber però è passato al contrattacco mobilitando i suoi clienti per difendere il servizio, che è già stato adottato da 160.000 persone in sei città francesi. E' stata infatti pubblicata una petizione, inviata ai clienti, da sottoscrivere e sostenere pubblicamente sui social network attraverso l'hashtag #ouiPOP. E l'obiettivo di raccogliere 50.000 firme sembra essere stato raggiunto.

Tags:
uberfranciataxiuberpop
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.