A- A+
Economia
Volkswagen burla sull'elettrico. Ma la sostenibilità in Cina fa acqua
Angela Merkel in vista agli stabilimenti della Volkswagen a Zwickau

Ma invece di pensare a burlare mezza stampa mondiale con un pesce d’aprile scappato pure in anticipo, innescando fiammate borsistiche (+16% in una seduta e mezzo, prima della nota, poi -5% le Volkswagen ADR a Wall Street) che ora potrebbero far scattare anche le inchieste degli occhiuti sceriffi della Sec americana, perché alla Volkswagen i top manager non si concentrano invece sulla sostenibilità del gruppo che a quanto pare in Cina, il principale mercato mondiale automobilistico, lascia molto a desiderare? In gioco c’è la sfida epocale con Tesla per la leadership nell’industria dell’auto del futuro. Sfida che richiederebbe i massimi sforzi e zero distrazioni.

volkswagen
 

Nel giorno successivo all’annuncio, poco umoristico a giudicare dalle reazioni dei media americani e degli utenti social, del cambio di nome da Volkswagen in Voltswagen negli Stati Uniti, per esaltare l’impegno teutonico nel settore delle vetture elettriche, alcune fonti hanno rivelato alla Reuters che la joint venture di Volkswagen in Cina, la Faw - Volkswagen avrebbe accettato di acquistare crediti ambientali da Tesla con l'obiettivo di rispettare le norme ambientali locali.

La Cina, il più grande mercato al mondo per le quattroruote in cui sono stati venduti oltre 25 milioni di veicoli l'anno scorso, gestisce un sistema di crediti che incoraggia le case automobilistiche a lavorare verso un futuro più pulito, ad esempio migliorando l'efficienza del carburante o realizzando più auto elettriche. A tal riguardo, i produttori ricevono crediti green che possono essere utilizzati per compensare i crediti negativi dovuti alla produzione di veicoli più inquinanti e i produttori possono anche acquistare crediti green per garantirsi la conformità con gli obiettivi generali nazionali.

12083375 large
Il fondatore e Ceo di Tesla Elon Musk

In questa cornice, la jv di Volkswagen con la casa automobilistica cinese di proprietà statale Faw, quella per intendersi già presente nella motor valley emiliana e che ha messo nel mirino l’italiana Iveco, avrebbe accettato di acquistare crediti da Tesla.

L'accordo, il primo del genere tra due società nel Dragone, sottolinea l'entità dell'operazione che la casa automobilistica tedesca, in passato sull'orlo del tracollo per lo scandalo Dieselgate, deve compiere per trasformarsi da produttore di vetture a benzina a leader nel settore dei veicoli elettrici. La mission è rivaleggiare con la società californiana fondata da Elon Musk campione dell’auto elettrica e darle scacco matto. C’è poco da scherzare.

@andreadeugeni

Commenti
    Tags:
    volkswagenteslavoltswagenpesce d'aprile volkswagenfaw-volkswagen
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    "Zone rooosse per teeee..." Speranza sulle note di Ranieri

    Covid vissuto con ironia

    "Zone rooosse per teeee..."
    Speranza sulle note di Ranieri


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lexus presenta il Nuovo UX Hybrid Deep Sky

    Lexus presenta il Nuovo UX Hybrid Deep Sky

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.