A- A+
Spettacoli
Bob Dylan ha venduto 6000 pezzi del suo archivio segreto

Seimila pezzi dalla collezione privata di Bob Dylan - testi scritti a mano, contratti. lettere, registrazioni audio e video - sono stati venduti alla George Kaiser Family Foundation e alla University of Tulsa per un valore stimato tra i 15 e i 20 milioni di dollari. La maggior parte dei reperti saranno in mostra al Gilcrease Museum di Tulsa.

Tra le chicce figurano il taccuino di Blood On The Tracks, con i testi scritti a mano di Chimes of Freedom, Ballad of a Thin Man e Dignity, oltre alle riprese video del live del 1980 al Massey Hall di Toronto, quelle del 1993 al Supper Club di New York e delle prove del 1975 per Rolling Thunder Revue. Ma ci sono anche migliaia di registrazioni e una cartolina del 1978 inviata da Barbra Streisand.

Secondo Ben Sisario del New York Times - che ha potuto visionare in anteprima parte del materiale - i documenti sono «più vasti e profondi di quanto anche il maggior esperto di Dylan si potesse immaginare»

Da decennni molti oggetti di miti della musica, dai Beatles ai Rolling Stones - sono venduti alle case d’asta, ma Bob Dylan (il cuo vero nome è  Robert Allen Zimmerman) aveva tenuto per sé i pezzi della collezione.

Il cantante ha iniziato a suonare alla fine degli anni Cinquanta e oggi, a 74 anni, continua la sua carriera, basti pensare che nel 2015 è uscito un suo nuovo disco – Shadows in the Night – e ad aprile sarà in tour in Giappone.

Tags:
bob dylanpetrolierearchivio segretoinedititulsa
in evidenza
"Cos'è la destra? Cos'è la sinistra?": dalla Milano di Gaber alla Piazza di Ceglie, snodo delle elezioni 2022

La kermesse di Affari dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Cos'è la destra? Cos'è la sinistra?": dalla Milano di Gaber alla Piazza di Ceglie, snodo delle elezioni 2022


in vetrina
Scatti d'Affari Primark, inaugurato l'undicesimo punto vendita in Italia

Scatti d'Affari
Primark, inaugurato l'undicesimo punto vendita in Italia


casa, immobiliare
motori
Toyota, rinnova l'app di mobilità intregrata KINTO Go

Toyota, rinnova l'app di mobilità intregrata KINTO Go


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.