A- A+
Spettacoli
Di Maio a "C'è posta per te" per una lettera di Sgarbi: il video è da ridere

Luigi Di Maio invitato a C'è Posta per te, condotto da Maria De Filippi. Ma chi sarà a inviargli una lettera? Un'amante perduta? Un elettore sfegatato? Un compagno di scuola dimenticato? Il postino inforca la bicicletta e... ed ecco comparire il volto sfigurato dalla rabbia di Vittorio Sgarbi, che inizia a snocciolare una serie di improperi rivolti al vicepresidente della Camera e premier in pectore del M5s. Il critico d'Arte se la prende con la questione dei vitalizi e grida: "Scandaloso che prenda 32 milioni di lire un insetto incapace e ignorante non laureato e senza idee, portato avanti solo da Grillo e che fa il vicepresidente della camera abusivamente". La ripresa stacca sul viso di Di Maio inebetito. Ma Sgarbi continua: "Ho già detto alla D'Urso e lo dico adesso a Di Maio che io il mio vitalizio ho smesso di prenderlo. Chiaro? Chiaro, Di Maio? E non rompere i coglioni. Pensa ai 32 milioni di lire che prendi non valendo un cazzo!". 

Il video ovviamente è una parodia creata ad arte dal sapiente montaggio dell'influencer Daniele Cinà, parodia diffusa su facebook, su twitter e su youtube, e già virale. 

Tags:
luigi di maiom5svittorio sgarbimaria de filippic'è posta per tefacebooktwitterdaniele cinà
in evidenza
"Napoli-Kvara pazzeschi. Karius? Ci ho perso una scommessa e..."

Diletta Leotta ad Affari

"Napoli-Kvara pazzeschi. Karius? Ci ho perso una scommessa e..."


in vetrina
CDP Business Matching: al via nuovo network imprese fra Italia e USA

CDP Business Matching: al via nuovo network imprese fra Italia e USA


motori
La storica sportività Opel GSe è ora ibrida plug-in

La storica sportività Opel GSe è ora ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.