A- A+
Spettacoli
Il film “Dal Polo all’Equatore" al Maxxi di Roma fino al 2022

Il film Dal Polo all’Equatore di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi al MAXXI di Roma fino al 2022, e Iperboli fino al 12 dicembre

Il film capolavoro Dal Polo all’Equatore di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi affronta con straordinaria maestria i temi della guerra e della pace, il sentimento della ferocia e il suo opposto, la miseria e la ricchezza, l’onnipotenza e la sottomissione. Racconta anche l’orrore della caccia e l’amore per gli animali. Lo spettatore di questo indimenticabile film documentario si trova di fronte un eterogeneo catalogo dei migliori e dei peggiori sentimenti umani.

Le opere di Gianikian e Ricci Lucchi hanno cambiato il mio gusto cinematografico. Il loro cinema mi ha dato la possibilità di addentrarmi nella nostra storia politica con tutte le sue contraddizioni. Dal Polo all’Equatore racconta in modo impietoso la realtà. Per quattro anni i due artisti hanno lavorato ininterrottamente al loro film. Ci fanno scoprire, fotogramma dopo fotogramma, luoghi lontani: Gondar, Marrakech, Tangeri.

È magnetica l’immagine d’apertura del film: un treno lunghissimo si muove sulle rotaie, intorno c’è una natura che si impone. Guardando il film ho pensato a come il lavoro di Yervant e Angela sottolinei con efficacia la prevaricazione dell’uomo sulla natura. È evidente in una scena in particolare: un uomo uccide un orso polare. È il racconto della ferocia degli uomini sugli animali. Ma anche della vicinanza, della promiscuità tra gli uomini e gli animali che ci ha trascinati nel baratro della malattia in cui siamo sprofondati. Gianikian e Ricci Lucchi con un loro film del 1987, “Ape-bat”, anticipano ciò che sarebbe accaduto nel 2019, la pandemia che ancora stiamo vivendo. Yervant e Angela sono stati veggenti. Ricordo, a riguardo, una riflessione di Arthur Rimbaud “Il poeta si fa veggente mediante un lungo, immenso e ragionato sregolamento di tutti i sensi.”

Dal Polo all’Equatore è anche un inno alla vita perché narra i riti dei popoli dell’estremo Oriente. Il film forse sarebbe piaciuto all’antropologo Ernesto De Martino, che nel libro “La terra del rimorso” ha descritto il suo studio sul tarantismo, un antico rito contadino caratterizzato dal simbolismo della taranta – il ragno che morde e avvelena – e della potenza terapeutica della danza. In “Dal Polo all’Equatore”, invece, c’è la bellissima danza delle donne etiopi che ballano con delle parrucche bianche, mentre gli uomini nelle mani stringono delle lance. Lo spettatore scoprirà i soldati della prima guerra sul monte Adamello, sono perfetti nelle loro divise. Scoprirà i Cosacchi con i meravigliosi copricapi. I soldati e i Cosacchi: quelli che partivano, quelli che morivano, quelli che tornavano. Nel film verità di Gianikian e Ricci Lucchi, e a tratti onirico per i colori cangianti delle immagini, risaltano dei fotogrammi unici; la suora in Uganda che insegna ai bambini africani il segno della croce; il bimbo albino che risalta nella sequenza dei fotogrammi africani.

È possibile vedere Dal Polo all’Equatore al MAXXI di Roma, nell’ambito della mostra “Senza Margine” che terminerà nel 2022. Mentre da qualche giorno è iniziata la quarta parte della retrospettiva “Iperboli” che celebra Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, “Angeli e Guerrieri del cinema”. Si concluderà il 12 dicembre sempre al MAXXI di Roma. Invito tutti al MAXXI, per scoprire i loro capolavori. Sono imperdibili!

 

Commenti
    Tags:
    dal polo all'equatoreiperbolimaxxi roma





    in evidenza
    "Qual è la tua posizione preferita?": la risposta di Annalisa diventa virale

    Costume

    "Qual è la tua posizione preferita?": la risposta di Annalisa diventa virale

    
    in vetrina
    Eleonora Riso trionfa a Masterchef 13: la cameriera "fuori dagli schemi"

    Eleonora Riso trionfa a Masterchef 13: la cameriera "fuori dagli schemi"


    motori
    Alfa Romeo celebra il primo 33 Stradale Day

    Alfa Romeo celebra il primo 33 Stradale Day

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.