A- A+
Esteri
Bataclan, "trattamento inumano" per il killer: può tornare libero in 15 anni

Il killer jihadista del Bataclan resta in Belgio dove può ottenere la liberazione anticipata

Incredibile ma vero. Non sono passati nemmeno otto anni dal terribile attentato del 13 novembre 2015 a Parigi, quando dieci attentatori islamisti uccisero 130 persone tra il Bataclan e altre zone della capitale francese. Come scrive il Giornale, "Salah Abdeslam, l’unico terrorista sopravvissuto alla carneficina, indigna i parenti delle vittime denunciando un «trattamento disumano» in Francia e ottenendo la possibilità di scontare il carcere in Belgio, dove potrebbe anche essere liberato tra 15 anni".

Come se non bastasse, dopo il massacro di Parigi, tra cui figura anche il fratello-kamikaze Brahim, Salah è stato arrestato in Belgio e poi condannato per gli attentati di Bruxelles del 2016, che fecero 32 morti. I giudici parigini avevano concesso a Abdeslam di spostarsi in Belgio «temporaneamente», per affrontare l’altro processo. Ma il suo rientro in Francia, previsto entro il 12 ottobre, non è mai avvenuto, «sospeso temporaneamente». Come spiega il Giornale, "i suoi legali sostengono che la condanna subìta in Francia - la cosiddetta «perpétuité incompressible», una sorta di ergastolo ostativo che non consente né sconti né permessi prima dei trent’anni di carcere - non conceda «nessuna speranza di liberazione, nessuna prospettiva di reinserimento» e violi i diritti umani del condannato".

E la Corte d’appello gli ha dato ragione, citando l’art. 3 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, che vieta pene disumane o degradanti. Se la decisione provvisoria venisse confermata, tra 15 anni Abdeslam potrebbe anche chiedere la liberazione in Belgio, conclude il Giornale.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.