A- A+
Esteri
Clima, Giappone pronto a tagliare emissioni di gas serra del 46% entro il 2030

Ha preso il via giovedì 22 aprile il summit sul clima organizzato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, con la partecipazione di 40 tra leader di governo, scienziati ed esperti, da Xi Jinping a Bill Gates, da Antonio Guterres al primo ministro del Giappone, Yoshihide Suga.

L'appuntamento, lanciato in occasione della Giornata mondiale della Terra, apre la strada alla Conferenza delle Nazioni unite sul cambiamento climatico, Cop26, che si terrà a novembre, e in previsione del quale Suga ha dichiarato che “il Giappone con un approccio multilaterale è pronto a guidare il genere umano” verso la decarbonizzazione, perché “la comunità internazionale ha bisogno di una maggiore solidarietà”.

Si tratta di "una sfida che tutto il genere umano deve puntare a risolvere. La risposta ai mutamenti climatici non rappresenta più un limite all'economia ma una spinta per una crescita dinamica di lungo periodo, non solo per il Giappone ma per tutto il mondo."

"Con questa visione in mente, lo scorso autunno ho dichiarato l'impegno di arrivare a zero emissioni nette al 2050, appena ho assunto la carica di primo ministro, un passo importante", ricorda Suga, "con un taglio del 46% delle emissioni al 2030”.

Il Giappone "continuerà i suoi sforzi, non è un compito facile ma siamo pronti a dimostrare la nostra leadership per una decarbonizzazione a livello mondiale" e "d’ora in poi accelereremo le misure per raggiungere l'obiettivo, creando un circolo virtuoso fra economia e ambiente".

Nell'impegno "a guidare lo sforzo verso la decarbonizzazione", dice Suga, a livello nazionale "avanzeremo verso l'economia circolare creando nuove industrie e economie". Ciò detto, però, "la decarbonizzazione globale non può essere ottenuta con gli sforzi di un paese solo ma dalla comunità intera, che deve essere unita", avverte il primo ministro, ma "possiamo creare un'ondata globale per l'impegno" e "oggi sono riuniti paesi che rappresentano l'80% emissioni", quindi "possiamo travolgere il mondo con l'onda del nostro impegno".

"Io e Joe Biden, nel corso della mia visita a Washington, abbiamo avuto il piacere di confermare e rilanciare la cooperazione tra Giappone e Stati Uniti e l'ambizione su decarbonizzazione e energia pulita", prosegue il primo ministro Suga. "Giappone e Stati uniti lavoreranno per promuovere la decarbonizzazione mondiale e una cooperazione continua su ogni area di implementazione dell'Accordo di Parigi, sulle tecnologie pulite e sull'accelerazione della transizione dei paesi in via di sviluppo, inclusi i paesi dell'Indopacifico per decarbonizzare le società".

Commenti
    Tags:
    climagiapponesugagas serradecarbonizzazione
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi

    Ineos Grenadier supera a pieni voti i test sulle Alpi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.