A- A+
Esteri
Coronavirus, segnali discordanti sui voli. Pechino: "Riaprono". No del governo
(fonte Lapresse)

L'Italia dà segnali discordanti alla Cina sulla riapertura dei voli. E la Cina già irritata per la drastica misura iniziale e per altri tentennamenti dopo l'adesione alla Nuova Via della Seta dello scorso marzo, alza la pressione annunciando l'imminente revoca (quantomeno parziale) del divieto. Un annuncio poi smentito prima dal ministero della Salute e poi anche dalla Farnesina. All'esecutivo cinese sono arrivati segnali positivi in tal senso dalla Farnesina, con il ministro Luigi Di Maio che, come raccontato da Affaritaliani.it, non aveva mai dato il suo benestare alla misura presa dal primo ministro Giuseppe Conte e dal ministro della Salute Roberto Speranza. Lo stesso Di Maio, un paio di giorni fa, aveva apertamente descritto la misura come "temporanea", aprendo a vicine "nuove valutazioni" dopo le "necessarie verifiche".

Ora il ministero degli Esteri di Pechino sostiene che l'Italia sarebbe pronta a riattivare "alcuni voli" tra i due paesi. La convinzione arriva dopo l'incontro tra il vice ministro degli Esteri cinese, Qin Gang, e l'ambasciatore italiano a Pechino, Luca Ferrari. Un ulteriore segnale arriva dalle dichiarazioni della portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying, che dopo aver criticato la misura nei giorni scorsi, ora sottolinea il legame amicizia tra Cina e Italia, "in un momento difficile" per Pechino, citando le donazioni italiane per contenere l'epidemia e la visita di Sergio Mattarella a una scuola elementare di Roma con numerosi studenti cinesi.

Le pressioni per la riapertura dei voli sono aumentate anche sul fronte economico. Ancor di più dopo l'esplicito appello lanciato in tal senso dal presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, che ha chiesto la riapertura dei voli "il più presto possibile", citando le conseguenze economiche che l'Italia rischia con il divieto. E Di Maio, che ha la delega al commercio estero ed è sempre stato vicino a Pechino, sembrerebbe sensibile al tema. Anche perché la parziale riapertura dei voli con Pechino gli consentirebbe di chiudere la contesa aperta sul dossier voli anche su altri fronti.

Resta però da convincere il resto del governo. Nella mattinata di venerdì, infatti, la task force istituita dal ministero della Salute si è riunita, alla presenza del ministro Speranza, e ha confermato che "i voli tra Italia e Cina resteranno chiusi così come previsto dall'ordinanza firmata dal ministro  il 31 gennaio 2020", aggiungendo  che "si continuerà a lavorare per implementare le misure già attivate nelle ultime settimane". Dopo meno di un'ora, anche la Farnesina ha definito "infondata" la notizia della riapertura dei voli, sottolineando allo stesso tempo "il profondo legame di amicizia tra Italia e Cina, gia' manifestato attraverso molteplici attività avviate proprio dal governo italiano a sostegno del paese asiatico in un momento delicato e complesso". 

Sul tema, intanto. si stanno muovendo anche le autorità di Hong Kong, che sottolineano gli impegni presi per contenere l'emergenza (anche se nell'ex colonia britannica viene chiesta la chiusura totale dei punti di accesso con la Cina continentale). E continua a criticare la misura anche Taiwan. Il rappresentante di Taipei in Italia, Andrea S.Y. Lee, chiede di correggere quello che ritiene un "errore" dal governo italiano, l'unico al mondo ad aver bloccato i collegamenti aerei con Taiwan, che stanno mettendo a serio rischio il lancio del nuovo volo diretto tra Taipei e Malpensa di Eva Air. Sull'isola il clima verso l'Italia non è dei migliori, con diversi utenti social che hanno chiesto il boicottaggio dei prodotti tricolore.

La riapertura dei voli rischia di allontanarsi anche dopo che è stato registrato il terzo caso di coronavirus in Italia, il primo che coinvolge un cittadino italiano. Si tratta di uno dei 56 connazionali rientrati da Wuhan lo scorso lunedì. Un fatto che potrebbe in realtà allontanare la ripresa dei voli. L'uomo, tra i 30 e 40 anni, era stato messo in osservazione nella città militare della Cecchignola e si trova ora in isolamento alla Cecchignola. Nel frattempo, in Cina i morti sono 636, con oltre 31 mila contagiati di cui quasi 5 mila sono considerati gravi. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronaviruscoronavirus italiawuhancinaitalia
    in evidenza
    CR7-Manchester, divorzio vicino Georgina mostra il pancione

    Le foto

    CR7-Manchester, divorzio vicino
    Georgina mostra il pancione

    i più visti
    in vetrina
    Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...

    Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...


    casa, immobiliare
    motori
    Stellantis celebra il suo primo anno di successi

    Stellantis celebra il suo primo anno di successi


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.