A- A+
Esteri
Dall’Honduras alla Florida per fuggire da fame, violenza e disoccupazione.

Dall’Honduras alla Florida, nella nuova Terra Promessa. Così la piccola famiglia di Kaidy Arriaga si sta muovendo a piedi tra il caldo estenuante del giorno e il freddo intenso della notte. Dalla loro terra, l’Honduras, attraverso Guatemala , Messico per raggiungere gli Stati Uniti.

Arriaga con la moglie accanto, la figlia Yasmin in braccio è accompagnato dal fratello Wilmer con un carro pieno di valige e con la più piccola di famiglia, Lorely, di soli quattro anni.

Dall'Honduras alla Florida, la terra promessa.

Non scappano dalla violenza dell’Egitto, come fecero gli ebrei, ma da qualcosa che a quell’esodo, assomiglia molto.

Fuggono dalla violenza che colpisce duro nel triangolo costituito da Guatemala, Honduras e Salvador.

E pure dall’emarginazione, dalla disoccupazione e dalla mancanza totale di opportunità.

 

In cinque giorni hanno fatto più di 500 chilometri. Dal loro piccolo paese dell’Honduras fino in Guatemala per raggiungere quella terra promessa , la Florida, che però non sembra avere, in Donald Trump, un sovrano molto accogliente.

 

Ma non sono i soli in questo viaggio della speranza, costretti da una crisi insopportabile ad una sfida difficile e pericolosa.

Dall'Honduras alla Florida, la terra promessa. Un viaggio infinito

Sulla grande via del Pacifico, che rappresenta la direttrice più usata verso il Guatemala per poi passare in  Messico, ricevono acqua e cibo dagli abitanti. E non manca qualcuno che offre danaro e ospitalità.

 

La famiglia Arriaga in questa odissea della speranza riesce a dormire in qualche ‘casa del migrante’, stracolma di tante altre vittime della povertà.

 

Certo a scappare dal loro paese non sono solo i venezuelani che vogliono liberarsi dal regime del dittatore Maduro,o i siriani in guerra, ma pure gli honduregni che vogliono allontanarsi dal potere di Juan Orlando Hernandez.

Non ci sono cifre ufficiali di questa diaspora, ma si stima che, solo due giorni fa nella frontiera con il Guatemala sono passati ben 2000 cittadini dell’Honduras con file interminabili  di gente con carri, reti e vecchi materassi.

Dall'Honduras alla Florida, la terra promessa. Un esodo biblico

Una carovana che sembra non finire mai, formata da oltre 5000 persone, nella maggior parte donne, bambini e adolescenti. Se questo non è un esodo biblico poco ci manca.

 

La testa del grande serpente che si snoda verso l’America è già arrivata al confine con il Messico. Non è guidata da nessuno ma è spinta dal desiderio di una vita migliore, lontana da una delle crisi migratorie più drammatiche degli ultimi anni.

Ma ora cominciano le preoccupazioni, soprattutto perché nessuno sa come si comporteranno le autorità messicane e poi quelle americane.

 

Qualcuno pensa di fermarsi in Guatemala, altri in Messico ma la maggioranza vuole raggiungere la Florida.

’Non abbiamo paura-dicono molte voci-perché già abbiamo subito i riflessi della crisi, della violenza e dell’insicurezza e stiamo lottando contro la fame, non teniamo altra opzione che andare avanti’

 

Certo nessuna opzione differente dal raggiunger la terra promessa americana, lontana ancora 2000 chilometri e governata da un sovrano, quel Donald Trump, che proprio non li sta aspettando a braccia aperte. Ma tanto vale provarci, il ritorno è peggio di quello che c’è davanti.

 

 

 

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    donald trumpmigrantihonduras
    in evidenza
    Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

    VIDEO

    Terence Hill lascia Don Matteo
    Applauso d'addio della troupe

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.