A- A+
Esteri
E' Trump, bellezza! L'America volta pagina. Il merito? Di Obama...

Il 45° Presidente degli Stati Uniti D’America, Donald Trump, ha preso possesso formale ed ufficiale della Casa Bianca. 

L’incredibile è avvenuto.

Chi si aspettava che Hillary Clinton fosse oggi alla cerimonia per essere la prima Presidente donna nel più potente Stato del mondo è deluso.

A Washington intanto ci sono stati scontri con i movimenti antagonisti che nella migliore tradizione democratica vogliono utilizzare la violenza per contestare quanto il popolo ha, appunto, democraticamente deciso.

L’America volta pagina.

E non tanto per merito di Trump quanto per demerito dell’élite radical - chic degli Obama e dei Clinton che hanno fatto di tutti per rendersi invisi ed insopportabili ad un elettorato sfibrato ed infastidito e perfino insultato da Hillary, proto - femminista fallita, dal buonismo del politically correct.

Gente che ce l’ha con le banche, con Wall Street, con i media e con il lavoro che nonostante pe panzane obamiane non c’è ma che ha preso spesso il volo per l’estero, soprattutto il vicino Messico.

L’evento di oggi è storico perché segna la fine di 50 e più anni di politically correct, appena interrotto dai Bush e da Reagan, nato con lo scaltro John Kennedy, personaggio di sicuro sopravvalutato alla luce della sua pessima condotta personale.

L’America vuole tornare a fare l’America.

Ha voglia di essere grande e meravigliosa, di far sognare e di essere spropositata nei suoi intenti e nella sua volontà.

La lezione Usa presto, come sempre avviene,  si trasferirà oltreoceano dove darà un’altra lezione ai radical chic nostrani, tutti caviali e bandiere pacifiste dalle lussuose case dei centri storici.

E da noi, in Europa e soprattutto in Italia, la crisi c’è ancora e davvero e con la disoccupazione non si scherza.

Bati pensare al recente tragico passato europeo alla ascesa del nazionalsocialismo e degli attuali populismo per capire che anche in questo caso la colpa non è di chi si fa partecipe del disagio popolare ma di chi ha negato ad oltranza per anni ed anni che ci fosse un disagio.

Le sinistre europee sono a rischio per l’ondata Trump che fra poco arriverà ed ha già avuto un antipasto succoso con la Brexit.

C’è solo ora da capire in quanto tempo sarà digerita la lezione.

Tags:
trumpinsediamento casa biancapresidente usa
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.