A- A+
Esteri
Etiopia, Tigrai: uno scontro che l’Occidente fatica a comprendere
Asmara, 25 marzo arrivo del premier Abiy Ahmed, accolto all'aeroporto dal presidente Isaias Afwerki 

L’Occidente fatica a comprendere lo scontro iniziato lo scorso novembre nella regione del Tigrai a nord dell’Etiopia. Una guerra trasformata ora in guerriglia tra il governo federale di Addis Abeba e le milizie del Tplf, che al momento sono rifugiate nelle aree rurali.

Per capire l’accaduto, bisogna destreggiarsi nell’incredibile quantità di fake news costruite più o meno maldestramente a beneficio della stampa internazionale.

La verità è che nelle situazioni di emergenza quali catastrofi naturali, disastri e anche guerre, la disinformazione viene spesso utilizzata come arma e le voci non confermate finiscono per trasformarsi in notizie screditando anche fonti solitamente affidabili. Il lavoro del giornalista dovrebbe essere quello di verificare i rapporti e le storie che vengono riportate.

Un esempio eclatante è il caso di Monna Liza, giovane donna tigrina presentata dalla stampa internazionale come vittima civile delle sevizie dei soldati eritrei. Il suo nome rinascimentale conquista in Italia il titolo di un quotidiano che chiede addirittura  al premier Abiy Ahmed di restituire il Nobel per la Pace ricevuto nel 2019 perché ne sarebbe indegno, per la terribile amputazione inflitta a una ragazza innocente.

Un’attenta verifica permette di svelare però che Monna Liza è una combattente del Tplf, (Tigray People’s Liberation Front) e che, prima delle interviste e foto da lei rilasciate alla  BBC e a Al Jazeera, dove afferma di essere stata vittima di stupri e sevizie, era stata contradetta dal proprio padre che rivelava a una televisione locale che la figlia era stata ferita durante l’assalto al Comando del Nord, perché combatteva accanto alle forze dell’Esercito di Liberazione del Tigrai.  Ciò conferma che quella innescata dal Tplf è una guerra senza esclusione di colpi, caratterizzata da una campagna mediatica che fa leva sulle denunce di violazioni dei diritti umani per attirare la simpatia e il sostegno della comunità internazionale. Inoltre i miliziani sono coinvolti nel reclutamento di bambini-soldato e presunti testimoni di atti orribili perché li raccontino ai media per screditare quelli che sono considerati invasori.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    etiopiatigraioccidenteguerraafrica
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari

    CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari


    casa, immobiliare
    motori
    Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici

    Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.