A- A+
Esteri
Tutta la verità sull'eurotassa. Dall'Irpef all'Iva: come funzionerà


La proposta di una eurotassa ha come artefice il ministro delle Finanze tedesco, il falco Wolfgang Schaeuble, celebre per aver caldeggiato contro tutto e tutti una Grexit effettiva.

Proposta che stupisce arrivi dalla Germania, paese che più di ogni altro ha finora difeso la sovranità fiscale dei paesi membri dell'eurozona, ma che adesso probabilmente sente il bisogno di dare prova di essere ancora interessato a ridare vigore all'unione monetaria. Ma di che cosa si tratta, come funzionerebbe questa eurotassa? Su Der Spiege si legge:

"Il piano di Schaeuble è radicale e insieme flessibile. Prevede che la Germania e gli altri Stati (sicuramente quelli dell'eurozona, eventualmente anche gli altri membri della Ue) devolvano parte delle risorse riscosse con l'Iva e l'Irpef a livello nazionale a un fondo europeo. Oppure - in alternativa o come operazione complementare - che una tassa addizionale, sull'Irpef, sull'Iva o su altre forme di imposizione, venga introdotta per finanziare appunto il nuovo fondo europeo. Con aliquote e criteri da decidere su basi nazionali differenziate. La gestione sovrana di queste entrate verrebbe delegata a un nuovo alto dirigente dell'Unione. In sostanza, una specie di superministro delle Finanze dell'eurozona".

Sarebbe un passo importantissimo nel rafforzamento della Ue e che, dopo l'unione monetaria, portebbe verso un'unione fiscale e, di conseguenza, anche politica. Ovvero aspetti essenziali che finora sono mancati. Di conseguenza, bisognerebbe anche rafforzare, e rendere sempre più democratico, anche il ruolo di Commissione e Parlamento Europeo. La prima conseguenza di questa possibile eurotassa, si fa notare da più parti, darebbe che all'Europa verrebbe consentito di poter agire in maniera molto più efficace in caso di recessione o momenti di crisi.

Una commissione guidata da Mario Monti starebbe già lavorando su questo piano, con il pieno sostegno di Schaeuble e anche di Junker. Bisogna invece vedere che sostegno arriverà da Angela Merkel, che è consapevole di come una mossa del genere possa irritare i suoi elettori. E bisogna anche vedere come la prenderanno i paesi membri dell'Unione ma non della moneta unica, che finirebbero declassati come paesi di serie B.

Tags:
germaniaberlinoeurotassatassatassefisco
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.