A- A+
Esteri
Gaza, Turchia espelle ambasciatore Israele. Oltre 60 morti, anche una bimba

M.O.: Ankara convoca ambasciatore di Israele e lo espelle

Il governo turco ha convocato l'ambasciatore di Israele ad Ankara e lo ha espulso. Il sito del quotidiano Haaretz scrive che l'ambasciatore Eitan Naeh e' stato convocato al ministero degli Esteri ad Ankara dove gli e' stato chiesto di lasciare il paese "a causa delle vittime" nelle proteste a Gaza. Il presidente turco Recep Tayyp Erdogan ieri aveva accusato Israele di "genocidio" e oggi il premier israeliano Benjamin Netanyahu gli ha risposto su Twitter. "Erdogan e' uno dei piu' grandi sostenitori di Hamas, quindi non c'e' dubbio che sia un esperto di terrore e massacri. Vorrei suggerirgli di non fare il moralista con noi", ha scritto su Twitter.  

M.O.: muore bimba 8 mesi, aveva inalato gas lacrimogeni durante scontri

E' morta anche una bimba di appena otto mesi, perche' aveva inalato gas lacrimogeni durante la sanguinosa giornata di proteste palestinesi, lungo il confine tra Israele e la Striscia di Gaza, per l'inaugurazione lunedi' dell'ambasciata americana a Gerusalemme. Lo ha fatto sapere il ministero della Sanita' nella Striscia, confermando che almeno 58 manifestanti sono morti nelle proteste. Non e' chiaro quanto la bimba, che si chiamava Leila al-Ghandhour, e i suoi genitori fossero vicini alla barriera di sicurezza dove avvenivano gli scontri piu' violenti. 

Gaza, Hamas fa appello a Intifada dopo gli scontri con Israele

Il movimento islamico di Hamas ha fatto un appello a una nuova Intifada per vendicare i 59 palestinesi che hanno perso la vita ieri in scontri con i soldati israeliani alla barriera di confine tra la Striscia di Gaza e lo Stato ebraico. ''La reazione naturale alla morte delle persone che stavano protestando pacificamente dovrebbe essere una Intifada araba e islamica'', ha detto il numero due di Hamas, Khalil al-Hayya.

''La risposta palestinese deve essere chiara a Gaza e in Cisgiordania. Non c'è altra scelta, se non mettere a fuoco e fiamme Gaza e la Cisgiordania in risposta di quello che è successo'', ha proseguito al-Hayya. "Hamas sta monitorando le manifestazioni e si erge come scudo per loro'' che protestano, ha aggiunto. Parlando da un accampamento al confine, Al-Hayya ha ricordato che le proteste di ieri coincidono con il ''crimine deplorevole di trasferire l'ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme''.

''Il nostro popolo ha risposto a questa nuova aggressione sionista-americana e hanno segnato con il loro sangue la mappa del ritorno'', ha dichiarato l'esponente di Hamas. Sono circa 40mila i palestinesi che ieri hanno manifestato alla barriera di confine tra la Striscia di Gaza e Israele, fino a quando alle 17 e 30 Hamas ha ordinato a tutti di tornare a casa. Oltre ai 59 morti, oltre 1.200 sono stati feriti e altri 1.200 sono stati intossicati dai gas lacrimogeni.

Tags:
gazahamasintifada
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.