A- A+
Esteri
Germania come il Regno Unito: frenata su sussidi ai cittadini Ue

Dopo Londra, anche Berlino vuole arginare gli arrivi di cittadini stranieri dell'Ue, in particolare dai Paesi dell'Est, attratti dal welfare tedesco: secondo fonti del governo citate dall'agenzia Dpa, in seno al governo c'è accordo su una legge che vieti ai cittadini in arrivo da altri Paesi dell'Unione di percepire sussidi per i primi cinque anni di residenza. "Puntiamo ad una veloce approvazione da parte del gabinetto", ha confermato ieri un portavoce del ministero del Lavoro. Poi la norma passerà all'esame del Bundestag per il dibattito. Secondo le indiscrezioni, la legge in preparazione decide che i cittadini Ue che non lavorino in Germania non avranno inizialmente diritto a sussidi e solo dopo cinque anni entreranno automaticamente nella categoria 'base' con accesso ai sussidi di disoccupazione, la "Hartz IV".

La notizia di una proposta di legge di questo tipo avanzata dalla ministra del Lavoro Andrea Nahles era circolata già la scorsa primavera e all'epoca il governo aveva minimizzato sulla portata dell'eventuale provvedimento. Un verdetto del Tribunale sociale federale che ha stabilito che i cittadini europei hanno diritto a sussidi dopo sei mesi sembra aver convinto l'esecutivo Merkel a velocizzare. Un proposito accolto con grande favore a livello locale: "le nuove regole sono necessarie per creare meccanismi legali ed evitare grosse difficoltà finanziarie alle città causate dai sussidi sociali fuori dalla norma", ha commentato i vicepresidente dell'Associazione delle città tedesche, Helmut Dedy, alla Mitteldeutschen Zeitung e ripreso da Thelocal.de.

Tags:
germania regno unito sussidi
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.