A- A+
Esteri
Germania, Merkel in imbarazzo. Cresce la nostalgia per la Ddr


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Siamo proprio sicuri che la Germania di Angela Merkel, quella che vuole impartire lezioni a tutta Europa (Italia compresa), sia un paese forte e unito? Non proprio. E a dividere la Repubblica Federale non è solo la politica sui migranti, con il 40% dei tedeschi che vorrebbe le dimissioni della Cancelliera. C'è dell'altro. Un qualcosa che è intrinseco nella società teutonica, tanto da far arrossire molti politici da Berlino a Monaco di Baviera. Quest'anno, a novembre, saranno passati ben 27 anni dalla caduta del Muro del Berlino, eppure basta andare sulla East Side Gallery (la galleria a cielo aperto del Muro) a Friedrichshain, vicino al Oberbaumbrücke, per poter acquistare un vero e proprio frullato (o gelato) originale made in Ddr. Sembra quasi uno scherzo, invece non lo è. E il tutto viene preparato seguendo alla lettera la ricetta originale dell'Est. La macchina del ghiaccio è una Elke del 1982, anch'essa originalissima.

Da qualche mese i turisti, ma soprattutto moltissimi ex cittadini della Germania Orientale, vengono quasi ogni giorno alla 'Ddr Softeis' per gustare il sapore del passato. Un passato ufficialmente morto e sepolto, ma che in molti cittadini continua a vivere. Più forte di prima. L'abbigliamento di chi lavora nella gelateria Ddr è tipico dei Pionieri, l'organizzazione socialista dei giovani comunisti del vecchio regime tedesco-orientale. La musica sparata ad alto volume è rigorosamente dell'Est (prima del 1990, ovviamente). Ci sono tantissimi altri esempi, nati tutti negli ultimi mesi, di come lo stato nello stato, ovvero la vecchia Germania Orientale nell'attuale Germania di Angela, continui a vivere. Molto successo sta avendo anche il DDR-Hostel, un ostello per giovani dove tutto è come ai tempi della Ddr. C'è perfino una stanza chiamati Stasi, l'ex polizia segreta sulla quale tanti film sono stati girati.

Ciò che sta accadendo in Germania viene studiato a livello sociale e politico. Nessun partito, tantomeno la Linke, l'estrema sinistra che ha inglobato i post-comunisti della Pds-Sed, vogliono il ritorno della divisione, del Muro e dei due stati. Eppure dilaga la Ostalgie, termine con il quale si indica la nostalgia per la Ddr, in modo forse superiore di quanto non accadesse dieci o quindici anni fa. E la riscoperta del passato non riguarda soltanto gli anziani o comunque chi realmente ha vissuto sotto il regime comunista, ma anche le nuove generazioni nate dopo il 1990. E' il segno che qualcosa è andato storto. L'idea che il capitalismo occidentale potesse in pochi lustri cancellare 40 anni di socialismo reale è una pia illusione. La Merkel evita di parlare di questo fenomeno. Per lei, cresciuta nella Ddr e protagonista della svolta con Kohl nel '90 che porta all'annesione alla Repubblica Federale, è un tabù imbarazzante e quindi un argomento da evitare assolutamente.

Ma chi vive in Germania, specie in Sassonia o in Turingia o nel Brandeburgo, così come a Berlino Est (ex), sa perfettamente che l'Eldorado dell'Ovest ricco e opulento era solo una favola. La Germania resta il paese locomotiva dell'Europa ma al suo interno le divisioni, economiche e culturali, sono ancora enormi e per certi versi perfino aumentate negli ultimi anni. Alla base di quel 40% che vorrebbe le dimissioni della Merkel non c'è solo la politica verso i migranti ma anche il fallimento, almeno parziale, di un processo di unificazione del paese che a quasi trent'anni dalle immagini ormai sbiadite delle Trabant che varcavano i confini Est-Ovest è ancora in alto mare. Come dimostrano i frullati sulla East Side Gallery, le divise dei Pionieri e gli ostelli Ddr.
 

Tags:
ddrgermania
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.