A- A+
Esteri
Germania, batosta elettorale per la Merkel. Vola la destra dell'Afd

Trionfo oltre le previsioni per la destra tedesca: in tutti e tre i Land dove si è votato domenica supera il 10% dei voti, e nell'Est (ex Ddr), in Sassonia-Anhalt, l'Afd ha battuto tutte le stime schizzando al 23%. Il miglior risultato che un partito abbia mai raggiunto alle prime elezioni - nel 2011 il partito di Frauke Petry neanche esisteva. Nel Baden-Wuerttenberg diventa il terzo partito con il 14%, persino davanti all'Spd. Il tutto, con una partecipazione al voto aumentata enormemente, rispetto a cinque anni fa: tra il 5 e il 12% dei tedeschi in più si sono recati alle urne.
 
I due partiti di governo, Cdu e Spd, incassano cali ovunque, in qualche caso i socialdemocratici subiscono dei tracolli storici. Tranne in Renania-Palatinato: lì la governatrice uscente Malu Dreyer riesce addirittura a conquistare più voti rispetto a cinque anni fa e sale al 37,5%. Anche i due presidenti uscenti del Baden-Wuerttenberg e del Sassonia-Anhalt sembrano godere del "bonus" da governatore in carica: i Verdi di Winfried Kretschmann hanno conquistato il 32%, otto punti in più rispetto a cinque anni fa, la Cdu di Reiner Haseloff  incassa il 29% arretrando di tre punti: ma è prima.
 
La vittoria dell'Afd è un avvertimento ad Angela Merkel, d'altra parte due governatori su tre hanno appoggiato la sua politica dei profughi - peccato che siano rivali della Cdu. Ed è un po' questo il dato di difficile interpretazione: i conservatori perdono ovunque, per la Spd queste elezioni sono una caporetto senza precedenti, ma i candidati cristianodemocratici hanno preso tutti le distanze dalla cancelliera - la candidata della Renania-Palatinato Julia Kloeckner addirittura proponendo un piano B sui profughi. E gli elettori li hanno puniti. Un sondaggio interessante tra elettori della Cdu ha fatto emergere di recente che oltre il 50% pensa che Kloeckner e Wolf "non sono stati leali" con Merkel. Cosa abbiano deciso dunque di votare, è difficile da dire.
 
I risultati complicano ovunque il quadro delle alleanze soprattutto a causa del crollo dei due grandi partiti e del boom dei populisti di destra dell'Afd. Tutti rifiutano coalizioni con il partito di Frauke Petry, ma nessuno riuscirà a mettere insieme un governo con meno di tre partiti. Un'instabilità inedita, per la monolitica Germania, abituata a decenni di tranquille alternanze o a grandi coalizioni, insomma a coppie di governo. Solo negli ultimi anni, a causa del logoramento dei grandi partiti, sono spuntate le prime alleanze a tre, in Turingia e in Schleswig-Holstein.

Tags:
germania elezioni
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.