A- A+
Esteri
Gli 'euroayatollah' fanno solo crescere il voto di destra


Premessa: per quel che vale, se fossi stato un elettore tedesco, avrei votato per i liberali di Fdp. Detto questo, trovo due volte surreale la demonizzazione di AfD. Ha ragione il mio amico Federico Punzi: i mainstream-media, non accontentandosi di definirli "estrema destra" o "neonazi", si sono dovuti inventare il neologismo "ultradestra", per rendere la narrazione ancora più inquietante.

E così, più o meno a reti unificate, avete assistito a servizi televisivi in cui il linguaggio era regolarmente a tinte fosche: "si allunga l'ombra dell'ultradestra", "c'è il pericolo dell'ingresso in parlamento dei neonazisti", e via con il climax della paura.

In realtà, era tutto abbastanza scontato, in base a un minimo di elementare e razionale analisi politica. Se i due partitoni danno vita per anni e anni all'abbraccio della grande coalizione, è scontato che si aprano praterie a destra e a sinistra. E se il fenomeno migratorio è mal gestito, è fatale che diventi un tema elettorale rovente. Tutto da manuale.

Ma adottiamo per un momento il punto di vista politically-correct. Diamo cioè per acquisito che ci sia un pericolo nazista ormai evidente.

Bene. Si potrà almeno osservare che in Inghilterra, dove c'è stata Brexit e dove i Conservatori hanno fatto il loro mestiere liberale, opponendosi nettamente alla sinistra, la destra più dura (Ukip) è stata prosciugata? Al contrario, qui in Europa continentale, dove gli euroayatollah imperversano nei governi, in tv e sui giornali, l'effetto è stato quello di far crescere il voto di destra più dura. 

Riflessione da fare, per chi sia intellettualmente onesto.

Tags:
elezioni germania
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.