A- A+
Esteri
Governo, ci si mettono anche gli Usa: "L'Italia deve restare nell'euro"

Governo: Usa, meglio superare problemi restando in Euro

 

L'Eurozona deve restare intatta. Ne e' convinto il dipartimento del Tesoro americano che ha esortato l'Italia a risolvere i problemi rimanendo nell'area euro. "Sarebbe meglio se trovassero una soluzione nell'ambito della zona euro senza apportare cambiamenti significativi: certamente gli italiani hanno l'opportunita' di farlo", ha detto un funzionario del Tesoro Usa, secondo quanto riporta Reuters, mentre l'incertezza politica in Italia e il rischio populismo sono balzati in cima all'agenda della riunione dei ministri delle Finanze e dei banchieri centrali del G7, in calendario a Whistler, in Canada, dal 31 maggio al 2 giugno prossimi. Il funzionario americano ha rimarcato come gli Usa stiano monitorando da vicino la situazione in Italia, escludendo un "impatto sistemico" per la volatilita' dei mercati.

Piazza Affari ha bruciato ieri il 2,65% trascinando in rosso tutti i listini europei e globali mentre per i titoli di stato della terza economia del mondo e' stata una giornata da dimenticare con lo spread Btp/Bund che ha toccato 320 punti. Il nuovo impasse sul governo italiano ha alimentato i timori che con nuove elezioni la Lega e le forze anti-euro possano ottenere un mandato ancora piu' ampio. Il funzionario Usa ha dunque detto di non sapere chi rappresentera' l'Italia al G7 finanziario e che sara' il Fondo monetario internazionale a guidare la discussione sui rischi globali. E se il presidente Donald Trump e' stato un grande sostenitore della Brexit e dunque dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea, la Casa Bianca, a differenza del Tesoro Usa, non si e' sbilanciata sulla posizione di Washington in merito al possibile abbandono della moneta unica da parte dell'Italia.

"Su questo non c'e' una specifica politica dell'amministrazione ma continueremo a monitorare cio' che sta avvenendo", ha dichiarato nel pomeriggio di ieri la portavoce Sarah Sanders, indicando che gli Usa sono concentrati "sulla stabilita' dell'economia nel lungo periodo" in Italia e sull'Unione europea. Il dipartimento di Stato americano ha tenuto a ribadire come l'Italia sia "tra i piu' stretti alleati degli Usa" e come l'amministrazione sia impaziente di continuare lavorare con il nuovo governo, quando sara' formato". Gli Stati Uniti "riconoscono l'Europa come composta da nazioni libere - e' stato precisato da Foggy Bottom in una nota - e nel solco della grande tradizione delle democrazie occidentali, sono in grado di scegliere da sole il loro sentiero. Come in passato, gli Stati Uniti sono impegnati a lavorare con i rami istituzionali dell'Europa, riconoscendo allo stesso tempo come i nostri alleati siano nazioni indipendenti e democratiche con la loro storia, prospettiva e il diritto di determinare il loro futuro".

Tags:
governousaeuro
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.