A- A+
Esteri
La Commissione europea presenta un Piano migranti in 20 azioni

La Commissione europea ha presentato un piano d'azione in 20 punti per il Mediterraneo centrale: "Non possiamo gestire la migrazione caso per caso", ha detto Schinas, vicepresidente Ue

Il vicepresidente della Commissione Ue, Margaritis Schinas, ha scritto in un tweet di aver presentato un Piano d'Azione di misure immediate nel Mediterraneo centrale, in vista del Consiglio straordinario di venerdì 25 novembre. "Non possiamo gestire la migrazione caso per caso, barca per barca".

L'Action Plan si basa su 20 azioni, con l'obiettivo di affrontare le "sfide attuali e immediate" sulla rotta migratoria del Mediterraneo centrale. Un appello ad accelerare le azioni che già sono sul tavolo, con alcune nuove iniziative.

La prima azione sarà lanciare, entro la fine dell' anno, la "Team Europe Initiative on Central Mediterranean". Nel documento si legge: "Gli Stati membri devono accelerare l'attuazione del meccanismo di solidarietà concordato il 22 giugno 2022 che affronti le strozzature finora individuate, migliorando la flessibilità, razionalizzando i processi e attuando il finanziamento di misure alternative.

A questo fine la piattaforma di solidarietà rivedrà le procedure operative standard per la ricollocazione per ottenere procedure più efficienti e rapide, anche per fornire un rapido sostegno agli Stati membri che ricevono arrivi via mare. La piattaforma della solidarietà abbinerà progetti proposti e contributi finanziari per avviare l'attuazione delle misure alternative di solidarietà attraverso progetti coerenti con le attività e le esigenze individuate".

Maggiore sostegno agli Stati del Mediterraneo dall'agenzia Frontex

L'agenzia di controllo delle frontiere Frontex, "insieme agli Stati membri interessati, effettuerà una valutazione mirata della situazione nel Mediterraneo centrale per identificare le esigenze di un sostegno rafforzato attraverso operazioni congiunte, sorveglianza aerea e marittima, sviluppo di capacità e consapevolezza situazionale per gli Stati membri all'esterno frontiere". 

Il commento della Commissaria Ue agli Affari Interni, Ylva Johansson

La Commissaria Ue agli Affari interni, Ylva Johansson, ha detto che "l'obbligo legale di soccorrere e di garantire la sicurezza della vita in mare è chiaro, a prescindere dalle circostanze che portano le persone a trovarsi in una situazione di disagio. Salvare vite è sempre il primo obbligo, ma qui ci sono molte sfide. La situazione odierna delle navi private che operano in mare è uno scenario che manca ancora di sufficiente chiarezza. Questa sfida attuale non era stata presa in considerazione quando il diritto marittimo è stato concordato per la prima volta, è necessaria una maggiore cooperazione tra gli Stati membri, gli Stati di bandiera e gli Stati costieri e altri attori pertinenti".

Iscriviti alla newsletter

Tags:
matteo piantedosimediterraneoministro internopiano migrantiunione europea





in evidenza
Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO

Cronache

Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO


in vetrina
PIcchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate

PIcchi fino a 40 gradi (ecco dove). Ma poi nubifragi e grandinate


motori
Alpine sfida e delusione a Le Mans: ritiro doppio per guasti

Alpine sfida e delusione a Le Mans: ritiro doppio per guasti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.