A- A+
Esteri
La Spagna e la perduta opportunità di dialogo con la Catalogna

La consultazione referendaria indetta dal Governo Catalano al fine di interrogare i cittadini della Catalogna circa la sussistenza della volontà popolare di secessione dalla Spagna, vibratamente osteggiata da Madrid anche con l’uso della forza pubblica, offre l’occasione per esprimere alcune riflessioni relative all’individuazione della giuridicità delle posizioni delle parti istituzionali coinvolte.
Appare indubbio che il referendum in questione non potesse essere avviato ad impulso della Generalitat in quanto la Costituzione della Spagna riserva al Re la relativa potestà ex articolo 62 comma primo lettera c).
Tuttavia, sotto un profilo meramente giuridico, risulta quantunque incontestabile la qualificabilità alla stregua di riunione dell’incontro – sebbene programmato – di più soggetti chiamati a pronunciarsi su una determinata questione.
La stessa Costituzione spagnola, all’articolo 21, riconosce il diritto di riunione pacifica e senz’armi, liberandone il condizionamento da qualsivoglia richiesta autorizzatoria e sottoponendo l’esperibilità di quella da svolgersi in luogo pubblico all’onere di comunicazione alle Autorità del suo svolgimento, con salvezza della possibilità di proibizione nelle ipotesi di temuto derivante pericolo a persone o cose.
Orbene, in disparte ogni argomentazione su quale Autorità sia competente alla frapposizione del veto (che nella fattispecie non sembrava, almeno in origine, suffragato e suffragabile da valida motivazione), la Spagna ha probabilmente – ad avviso dello scrivente – omesso di attuare il disposto del citato articolo 21 della Carta, vieppiù alla luce della considerazione secondo cui sovente (e, appunto, come in ispecie) la non sediziosa riunione costituisce la sede naturale di esercizio del diritto di manifestazione del pensiero, di cui al predicato della lettera a) del comma primo dell’articolo 20 della medesima fonte superprimaria.
In altri termini, acclarato che non si sarebbe potuta qualificare formalmente come tale, la consultazione referendaria – lungi dall’essere ostacolata – avrebbe dovuto rappresentare l’occasione (purtroppo perduta) di inizio di un dialogo rispettoso dell’autodeterminazione delle genti catalane e compatibile con la cornice delle disposizioni costituzionali di riferimento.
Da notare, infine, che onde evitare alterazioni di sorta dell’esito del voto (dunque considerabile reale espressione dei cittadini della Catalogna) è stata istituita una commissione di qualificati osservatori internazionali che hanno attentamente vigilato all’uopo.
In ogni caso, non è mai troppo tardivo – anzi bisogna auspicare arrivi presto – il momento dell’interlocuzione.

Mario Tocci
avvocato e docente universitario

 

Tags:
catalognareferendum catalogna
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.